Il 10 dicembre si celebra la Giornata Internazionale per i Diritti Animali. Ecco i 14 articoli


Puoi conoscere il cuore di un uomo già dal modo in cui egli tratta gli animali”. Immanuel Kant

Il 10 dicembre del 1948, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approvò a Parigi la Dichiarazione universale dei diritti umani con la quale venivano sanciti il rispetto e la dignità di ogni essere umano. Il nostro essere al mondo è condiviso con tutte le forme di vite per questo motivo è nostro dovere riconoscere questi diritti agli animali. Per sancire e ribadire questa importantissima e fondamentale condizione  il 10 dicembre si celebra la Giornata Mondiale per i Diritti degli Animali, dove l’imperativo è quello di  rispetto e dignità, universalmente riconosciuti per tutti gli animali. La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Animale, redatta dalla Lega Internazionale dei Diritti dell’Animale, è stata presentata a Bruxelles il 26 gennaio 1978 e sottoscritta da personalità del mondo filosofico, giuridico, scientifico. Fu proclamata a Parigi, presso la sede dell’Unesco il 15 ottobre 1978, alla presenza di Remy Chauvin, etologo e scrittore. Alfred Kastler, premio Nobel per la fisica, S.E. Hamza Boubakeur, rettore dell’Istituto Mussulmano della Moschea di Parigi, il Prof. Georges Heuse.
La delegazione italiana era costituita dalla Dr. Laura Girardello, dal Dr. Giovanni Peroncini, dal Prof. Mario Girolami e dalla Prof. Clara Genèro.

Quattordici articoli con i quali vengono stabiliti i diritti di tutti gli animali, anteponendo il diritto della vita a qualsiasi interesse. Una dichiarazione che ha ribadito che il rispetto per la vita e che nessun animale può essere sottoposto ad un trattamento crudele o a violenza.

 

Premessa

  • Considerato che ogni animale ha dei diritti;
  • considerato che il disconoscimento e il disprezzo di questi diritti hanno portato e continuano a portare l’uomo a commettere crimini contro la natura e contro gli animali;
  • considerato che il riconoscimento da parte della specie umana del diritto all’esistenza delle altre specie animali costituisce il fondamento della coesistenza delle specie nel mondo;
  • considerato che genocidi sono perpetrati dall’uomo e altri ancora se ne minacciano;
  • considerato che il rispetto degli animali da parte degli uomini è legato al rispetto degli uomini tra loro;
  • considerato che l’educazione deve insegnare sin dall’infanzia a osservare, comprendere, rispettare e amare gli animali

GLI ARTICOLI:

Articolo 1
tutti gli animali nascono uguali davanti alla vita e hanno gli stessi diritti all’esistenza.

Articolo 2
a) Ogni animale ha diritto al rispetto;
b) l’uomo, in quanto specie animale, non può attribuirsi il diritto di sterminare gli altri animali o di sfruttarli violando questo diritto. Egli ha il dovere di mettere le sue conoscenze al servizio degli animali;
c) ogni animale ha diritto alla considerazione, alle cure e alla protezione dell’uomo.

Articolo 3
Nessun animale dovrà essere sottoposto a maltrattamenti e ad atti crudely (artt. 544, 544 bis, 544 ter, 544 quarter, 544 quinquier);
b) se la soppressione di un animale è necessaria, deve essere istantanea, senza dolore, né angoscia.

Articolo 4
a) Ogni animale che appartiene a una specie selvatica ha il diritto di vivere libero nel suo ambiente naturale terrestre, aereo o acquatico e ha il diritto di riprodursi;
b) ogni privazione di libertà, anche se a fini educativi, è contraria a questo diritto.

Articolo 5
a) Ogni animale appartenente ad una specie che vive abitualmente nell’ambiente dell’ uomo ha diritto di vivere e di crescere secondo il ritmo e nelle condizioni di vita e di libertà che sono proprie della sua specie;
b) ogni modifica di questo ritmo e di queste condizioni imposta dall’uomo a fini mercantili è contraria a questo diritto.

Articolo 6
a) Ogni animale che l’uomo ha scelto per compagno ha diritto ad una durata della vita conforme alla sua naturale longevita’;
b) l’abbandono di un animale è un atto crudele e degradante.

Articolo 7
Ogni animale che lavora ha diritto a ragionevoli limitazioni di durata e intensità di lavoro, ad un’alimentazione adeguata e al riposo.

Articolo 8
a) La sperimentazione animale che implica una sofferenza fisica o psichica è incompatibile con i diritti dell’ animale sia che si tratti di una sperimentazione medica, scientifica, commerciale, sia di ogni altra forma di sperimentazione;
b) le tecniche sostitutive devono essere utilizzate e sviluppate.

Articolo 9
Nel caso che l’animale sia allevato per l’alimentazione deve essere nutrito, alloggiato, trasportato e ucciso senza che per lui ne risulti ansietà’ e dolore.

Articolo 10
a) Nessun animale deve essere usato per il divertimento dell’ uomo;
b) le esibizioni di animali e gli spettacoli che utilizzano degli animali sono incompatibili con la dignità dell’animale.

Articolo 11
Ogni atto che comporti l’uccisione di un animale senza necessità è un biocidio, cioè un delitto contro la vita.

Articolo 12
Ogni atto che comporti l’uccisione di un gran numero di animali selvatici è un genocidio, cioè un delitto contro la specie;
b) l’inquinamento e la distruzione dell’ambiente naturale portano al genocidio.

Articolo 13
a) L’animale morto deve essere trattato con rispetto;
b) le scene di violenza di cui gli animali sono vittime devono essere proibite al cinema e alla televisione a meno che non abbiano come fine di mostrare un attentato ai diritti dell’animale.

Articolo 14
Le associazioni di protezione e di salvaguardia degli animali devono essere rappresentate a livello governativo;
b) i diritti dell’ animale devono essere difesi dalla legge come i diritti dell’uomo.

Applicazione dei Diritti Universali degli animali

I principi fondamentali per la tutela e il benessere di tutti gli animali fu proprio recepito dagli Stati che hanno sottoscritto la Dichiarazione universali che tramite delle leggi hanno introdotto sul proprio territorio nazionale norme mirate alla tutela degli animali. La stessa Unione Europea ha introdotto delle direttive che gli Stati Membri sono tenuti a rispettare e a sottoscrivere.
Che sia in ambito di ricerca scientifica che nel settore degli allevamenti, pesca, trasporto, macellazione degli animali che in tema di maltrattamenti, sfruttamento degli animali, violenza, uccisione, sofferenza e abbandoni. Norme che tutelano la fauna selvatica, il suo habitat.

 

g.p.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Olio, Confagricoltura annuncia annata migliore rispetto al 2020

La campagna olearia 2021/22, mediamente, si annuncia in leggera ripresa rispetto a quella dello scorso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *