Il 58% delle strutture private non offre servizi di telemedicina

Il 58% delle strutture sanitarie private sarebbero indietro per la diffusione della telemedicina. I dati emergono dai risultati della prima “Survey nazionale sulla Telemedicina in ambito ambulatoriale privato” presentati nella sede dell’università Luiss dall’Osservatorio Salute Benessere e Resilienza della Fondazione Bruno Visentini insieme con l’Istituto Superiore di Sanità e il fondo sanitario integrativo Fasdac. In merito alla telemedicina le strutture sanitarie private intervistate hanno dichiarato di non svolgere servizi di cura del paziente a distanza e di non essere interessata a offrirli nel prossimo futuro, a fronte di solo un 13% che ha dichiarato di fare telemedicina e di voler continuare a sviluppare la propria offerta.

L’indagine è stata condotta su oltre 300 strutture sanitarie private e private convenzionate con il Ssn distribuite sul territorio nazionale. Indagando le principali cause identificate come ostacoli allo sviluppo della telemedicina dall’indagine emergono: la “complessità organizzativa” (24% dei casi), la “scarsa propensione o collaborazione del personale sanitario” (15%), seguiti dalla “onerosità in termini economici” (9%). Se guardiamo alle sole strutture di grandi dimensioni che erogano più di 50.000 prestazioni ambulatoriali all’anno, la “onerosità in termini economici” diventa il problema più rilevante a pari merito con la “complessità nell’applicazione del regolamento europeo sulla privacy (Gdpr)”, entrambe a quota 17%. La fiducia riposta verso la Telemedicina da parte degli operatori, peraltro, secondo il report dell’Iss è complessivamente “alta” o “medio alta”, attorno al 40% nel caso delle Direzioni generali e Direzioni sanitarie, ma crolla al 27% per chi è “sul campo”, ovvero medici e professioni sanitarie. Ed è al 27% anche la fiducia dei pazienti nella telemedicina, problema cui si aggiunge anche la scarsa familiarità con le tecnologie informatiche (23% dei pazienti). Un altro ostacolo alla diffusione della telemedicina è poi la mancanza di rispetto delle linee guida sulla telemedicina, con il 55% delle strutture che non produce i propri documenti sanitari in maniera conforme alla legge. E all’interno di queste strutture un 47% intende adeguarsi entro l’anno allo standard, ma un altro 40% ancora non conosce le linee-guida.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Incidente stradale sull’autostrada A24, un morto e tre feriti

Un morto e tre feriti in un grave incidente stradale che si e’ verificato intorno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *