Inps, sono 3,4 milioni i lavoratori stranieri nel 2021

Nel 2021 sono oltre 3,9 milioni (3.912.814) i cittadini stranieri, comunitari e non, presenti nelle banche dati dell’Inps, di cui 3,4 milioni (3.407.805), ovvero l’87,1%, sono lavoratori attivi, 280.923 (7,2%) pensionati e 224.086 (5,7%) percettori di prestazioni a sostegno del reddito. E’ quanto emerge dall’Osservatorio Inps sugli stranieri. Il 71,2%, pari a 2.785.777 stranieri, proviene da Paesi extra Ue, 270.269 (6,9%) da Paesi Ue15 e 856.768 (il 21,9%) da altri Paesi Ue. I lavoratori dipendenti sono oltre 2,9 milioni (2.926.596) con una retribuzione media annua (Rma) di 14.040,45 euro. Per i pensionati, la pensione media annua risulta pari a 10.555,06 euro.

L’analisi dei dati per Paese di provenienza evidenzia la maggiore presenza di romeni (18,0%), seguono albanesi (9,7%), marocchini (7,8%), cinesi (5,4%), ucraini (4,7%) e filippini (3,3%). Queste sei nazionalità rappresentano circa la metà del totale degli stranieri conosciuti all’Inps (48,7%). Il 61,4% degli stranieri, indica inoltre l’Osservatorio Inps, risiede o lavora in Italia settentrionale, il 23,6% in Italia centrale e il 15,0% in Italia meridionale e Isole. Per quanto riguarda i 2,9 milioni di dipendenti, circa 2 milioni (2.060.868) lavorano nel settore privato non agricolo (il 64,9% uomini), con una retribuzione media annua di 16.373,42 euro; 286.819 lavorano nel settore agricolo (il 74,3% uomini), con una Rma di 8.467,24 euro, mentre i domestici sono 578.909 (solo il 15,4% uomini) con una Rma pari a 8.496,48 euro.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Svimez, mezzo milione di nuovi poveri al Sud a causa dello shock inflazionistico

A causa dei rincari dei beni energetici e alimentari l’incidenza delle famiglie in poverta’ assoluta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *