L’Abruzzo è la quarta regione d’Italia per aumento dei prezzi al dettaglio

L’Abruzzo è la quarta regione d’Italia per aumento dei prezzi al dettaglio: nel mese di ottobre l’inflazione è del 12,9%, con una maggiore spesa annua a famiglia pari a 3.395 euro. Lo rileva il Codacons che, sulla base dei dati definitivi dell’inflazione diffusi dall’Istat, ha stilato la classifica delle regioni dove i prezzi hanno registrato gli aumenti più pesanti. L’Abruzzo si piazza, dunque, subito dopo il podio, dove compaiono Sicilia (14,4%, +3.487 euro), Liguria (13,8%, +4.139 euro) e Sardegna (13,6%, +3.616 euro).

Chiude la classifica la Valle d’Aosta (8,8%, +2.962 euro). In italia l’inflazione media è pari all’11,8%, con una maggiore spesa annua a famiglia di 3.625 euro. “Un incremento quello dei listini che ha effetti diversi sulle famiglie, a seconda della regione di residenza – spiega il Codacons – La spesa annua per consumi dei nuclei residenti, infatti, è fortemente diversificata sul territorio, con le famiglie del Nord che spendono di più rispetto a quelle che vivono nel Mezzogiorno”. “Questo – si legge in una nota – significa che il tasso di inflazione ha effetti differenti sulle tasche dei consumatori. Considerata la crescita dei prezzi registrata dall’Istat ad ottobre nelle varie regioni, e senza considerare possibili tagli dei consumi da parte delle famiglie, il Codacons ha elaborato la classifica delle regioni italiane dove i listini al dettaglio crescono di più, e i conseguenti effetti sulla spesa dei nuclei residenti”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sanità, potenziare la diagnostica per immagini per abbattere le liste di attesa

 L’abbattimento delle liste di attesa grazie al potenziamento della diagnostica per immagini è stato al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *