Riparte il processo per la discarica di Bussi

Riparte con la prima udienza in Corte d’Assise d’Appello all’Aquila relativa al processo per la mega discarica dei veleni di Bussi. Il rinvio del procedimento all’Aquila e’ stato disposto lo scorso marzo dalla Cassazione che ha convertito in appello tutti i ricorsi presentati alla Suprema Corte. In Corte d’Appello a Chieti il 19 dicembre 2014, 19 imputati erano stati assolti dall’accusa di aver avvelenato le falde acquifere mentre il reato di disastro ambientale fu derubricato in colposo e quindi prescritto.

L’indagine della Procura di Pescara sulla megadiscarica dei veleni prese il via nel 2007 con la scoperta da parte del Corpo Forestale dello Stato di circa 185 mila metri cubi di sostanze tossiche e pericolose in un’area di quattro ettari nei pressi del polo chimico di Bussi sul Tirino. L’area, definita subito come la piu’ grande discarica inquinata d’Europa, viene posta sotto sequestro. Dagli anni ’60 agli anni ’90 sono state sversate e smaltite abusivamente tonnellate di sostanze pericolose, fra cui cloroformio, tetracloruro di carbonio, esacloroetano, tricloroetilene, triclorobenzeni e metalli pesanti.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Controlli del Nas sui laboratori per tamponi Covid, irregolarità in 67 centri in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *