Vola l’e-commerce, calano le vendite al dettaglio

Duro colpo alle vendite a novembre. A salvarsi sono solo i settori collegati allo stile di vita piu’ ‘casalingo’, per via del distanziamento, – ossia il comparto alimentare e quello tecnologico (tra smart working e ricerca di socialita’). Si impennano i dati dell’e-commerce che cresce del 50,2%. A certificare rischi e difficolta’ del nuovo corso dei consumi degli italiani nell’era dell’emergenza Covid e’ l’Istat, a partire dal crollo di circa il 40% delle vendite di abbigliamento e calzature rispetto a novembre 2019. Le organizzazioni del commercio e dei consumatori lanciano l’allarme per la chiusura definitiva dei piccoli negozi e il tracollo del sistema imprenditoriale, microimprese in primis, chiedendo “con urgenza” un piano di rilancio che sfrutti le risorse europee anche per spingere la digitalizzazione e garantire l’accesso al commercio elettronico alle realta’ piu’ piccole. Le cifre rivelano un novembre nero con il calo delle vendite al dettaglio rispetto a ottobre del 6,9% in valore e del 7,4% in volume. In crescita le vendite dei beni alimentari (+1,0% in valore e in volume) mentre le vendite dei beni non alimentari crollano sia in valore sia in volume (rispettivamente del 13,2% e del 13,5%). Su base tendenziale le vendite al dettaglio diminuiscono dell’8,1% in valore e dell’8,4% in volume, ancora una volta per il tonfo delle vendite dei beni non alimentari, (-15,1% in valore e in volume), mentre le vendite dei beni alimentari sono in aumento (+2,2% in valore e +0,7% in volume). Sotto pressione i piccoli negozi (-12,5%) ma anche la grande distribuzione (-8,3%). E la contrazione si fa piu’ marcata nel segmento dei beni non alimentari che ha investito sia la grande distribuzione (-25,7%) sia, in misura inferiore, i negozi tradizionali (-16,9%). Dai dati emerge che rispetto a novembre 2019 le flessioni piu’ marcate si evidenziano per calzature, articoli da viaggio (-45,8%) e abbigliamento e pellicceria (-37,7%). A fare eccezione l’informatica e telefonia (+28,7%). Confesercenti parla di “un altro prevedibile tonfo” e chiama in causa la decisione di non rinviare il Black Friday. “A novembre, la seconda ondata ha ‘chiuso’ del tutto oltre 190mila negozi nelle regioni rosse, a cui si sono aggiunte altre 68 mila attivita’ in Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia-Romagna cui e’ stato imposto lo stop di domenica e almeno altri 50mila negozi nelle gallerie commerciali per cui il divieto di apertura, invece, e’ stato esteso a tutto il weekend”. Ora si guarda con “forte preoccupazione” ai dati sulle cessazioni di attivita’ nei primi mesi del 2021.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Bonus sociale in bolletta scatta automaticamente per 2,6 milioni di famiglie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *