Agricoltura, Zappalorto (Pd) chiede bandi e procedure più semplici

Dai dati trasmessi dalla Confederazione italiana degli agricoltori (Cia) Chieti-Pescara, l’Abruzzo risulta in terzultima posizione per l’avanzamento di spesa della dotazione complessiva del Programma di sviluppo rurale (Psr). La regione ha raggiunto solo il 47,27% delle risorse previste per la programmazione 2014-2020. A seguire, nella classifica, ci sono le Marche (41,79%) e la Puglia (41,74%). L’Abruzzo ha comunque speso il 103% della dotazione finanziaria relativa agli anni 2015, 2016, 2017 del Psr evitando, sottolinea Cia, il disimpegno automatico degli stanziamenti, cioè la restituzione dei finanziamenti europei, com’è accaduto per la Puglia nel 2020 che ha dovuto restituirne 95 milioni di euro. La Confederazione abruzzese del primo settore chiede maggiore lungimiranza nella programmazione, un alleggerimento burocratico per snellire l’accesso ai fondi e consentire un passaggio agevole alle risorse agricole”.

Bandi e procedure più semplici lo chiede anche Chiara Zappalorto, vicesegretaria del Pd Abruzzo che fa notare “L’eccessiva complessità del bando per ristorare, con fondi non spesi del Psr, tutte le aziende colpite dalla pandemia”. Complessità che a detta della Zappalorto avrebbe causato la mancata distribuzione del 70 per cento dei 9,6 milioni di euro a disposizione .

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

TUA, in arrivo nuovi minibus green per Pescara

Si arricchisce la flotta dei mezzi della Tua, l’azienda di trasporti della Regione Abruzzo, al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *