In radio dal 25 novembre il primo singolo estratto dall’Ep Esserci di RAHIMI, rapper e cantautore pescarese.

«Il pezzo è scritto e cantato dal mio io bambino, che all’epoca vedeva suo padre una manciata di ore a settimana, se gli andava bene. Allora il mio tempo si divideva principalmente in due fasi: l’attesa che tornasse mio padre e il tempo che passavo insieme a lui e tutta la famiglia assieme. Questa traccia è il primo singolo dell’ep perché è la prima ferita che io ricordi nella mia vita.» Rahimi

“C’est la vie” si divide esattamente in due parti, quasi opposte, ma poi accomunate dal ritornello: la prima parte, solenne, trascinata, quasi con un’atmosfera sacrale, descrive in maniera dura e diretta il dolore dell’assenza mentre dalla seconda strofa l’atmosfera del pezzo cambia, andando a cristallizzare il momento in cui il padre torna in famiglia dopo la settimana di lavoro fuori città. L’entrata della batteria e l’utilizzo di un flow molto più scorrevole rendono tale parte del pezzo molto più veloce e fugace della prima, presagendo ciò che il ritornello andrà a far capire, ovvero che tutto questo è solo un sogno, che diventa realtà per pochi istanti.

Rahimi è un rapper e cantautore classe 1999, nato e cresciuto a Pescara (PE). Inizia ad approcciarsi alla scrittura dei pezzi rap all’età di 15 anni, pubblicando i primi singoli mixtape su youtube all’età di 18 anni.
Raggiunge una popolarità nazionale grazie alle battle freestyle rap guadagnandosi l’invito e la finale degli appuntamenti più importanti del settore.
Dopo le prime soddisfazioni nel freestyle arriva il lavoro sul primo Ep, intitolato “Esserci”, frutto di un lavoro di due anni nato dal sodalizio ancora vigente con il produttore Giorgio Casiraghi. L’Ep di 5 pezzi, la cui pubblicazione è prevista a dicembre, rappresenta i 5 momenti più significativi della ventennale esistenza dell’artista, con un tappeto sonoro epico ed innovativo se si considerano i canoni classici della produzione musicale urban attuale.
Se nelle rime improvvisate Rahimi risulta essere un rapper violento, diretto, esplicito, spiritoso e simpatico, quando le rime si stampano sul foglio ecco che si mostra il lato più intimo e personale dell’artista, in cui parla della sua vita a cuore aperto, raccontando storie di fragilità, debolezza, ma anche di coraggio e rivalsa.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Premio Majano a Chieti, tra i vincitori Giancarlo Giannini, Giorgi e Bennato

Sono stati assegnati a Giancarlo Giannini protagonista in “David Copperfield” (1966) e “…E le stelle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *