L’Imago Museum inaugura la mostra su Elisa Maria Boglino

L’Imago Museum di Pescara presenta la prima mostra retrospettiva italiana dedicata ad  Elisa Maria Boglino (Copenaghen 1905- Roma 2002), pittrice italo-danese che ha vissuto  tra due patrie, la Danimarca che le ha dato i natali, e l’Italia dove, a Roma, si stabilisce  definitivamente dal 1947. 

L’inaugurazione si tiene sabato 27 aprile, alle ore 17:30, alla presenza di Nicola Mattoscio,  Presidente della Fondazione Pescarabruzzo, Carlo Masci, Sindaco di Pescara, Marco Nocca,  professore all’Accademia di Belle Arti di Roma, curatore della mostra, Sarah Boglino e Nica  Schmidt, in rappresentanza della famiglia Boglino. Sono stati invitati S.E. Anders Carsten  Damsgaard, Ambasciatore di Danimarca in Italia e la dott.ssa Charlotte Bundgaard,  Direttrice dell’Accademia di Danimarca, Roma. 

L’esposizione temporanea riunisce gli importanti dipinti degli anni Trenta, esposti a Venezia  in Biennale (1930,1934), e ammirati a Berlino nel 1932 nella prestigiosa galleria Gurlitt da  Kaethe Kollwitz, Oskar Kokoschka, August Macke, Erich Heckel. Spicca tra essi Le alienate  (1931) del Mart, rappresentazione della follia che nei corpi delle recluse contiene quasi un  presagio di lager. Provenienti da importanti musei e collezioni private, tra cui lo Statens  Museum for Kunst di Copenaghen, il Mart di Rovereto, e collezioni private italiane, danesi e  tedesche, le opere sono affiancate da una notevole selezione dell’opera grafica dell’artista,  in cui è evidente la sua ricerca di un segno primordiale.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Torna “L’Estate dell’Aratro” a Pianella

Torna “L’Estate dell’Aratro” per una seconda edizione che si estenderà da giugno ad ottobre: la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *