MAXXI L’Aquila, nuove installazioni dal 12 marzo al 12 giugno

Un’installazione tra musica e arti grafiche a cura del duo artistico Masbedo; le foto di Armin Linke all’interno dei Laboratori del Gran Sasso; l’omaggio di Claudia Pajewski al Mammut, simbolo identitario dell’Aquila; l’omaggio al maestro giapponese Hidetoshi Nagasawa, 120 scatti da 5 grandi cantieri. E l’opera di Miltos Manetas proiettata nel Metaverso. Sono i nuovi allestimenti del Maxxi L’Aquila, da ammirare dal 12 marzo al 12 giugno. La mostra “In Itinere”, a cura di Bartolomeo Pietromarchi, direttore del Maxxi L’Aquila, e Fanny Borel, nasce dal dialogo con altri protagonisti della vita artistica, culturale e scientifica del territorio aquilano e conta sul sostegno di Cassa Depositi e Prestiti. Il progetto espositivo presentera’ le opere realizzate su committenza da Linke, dai Masbedo e Pajewski. “Gli artisti – spiega Pietromarchi – ci conducono in un immaginifico viaggio al centro della terra, tra memoria e futuro. I progetti sono stati avviati in collaborazione con Museo nazionale d’Abruzzo, Gran Sasso Science Institute e Laboratori Nazionali del Gran Sasso, grazie a un proficuo dialogo in grado di omaggiare la citta’ dell’Aquila come fonte di ispirazione e di celebrarne le eccellenze”. Progetti e committenze di artisti e fotografi “che indagano attraverso il loro sguardo – riprende il direttore – territori caratterizzati da percorsi sotterranei e memorie sepolte, che raccontano di viaggi e scoperte, di incontri e sorprese nei meandri profondi della terra mettendo in rapporto il macro con il micro. Ricerche artistiche che coinvolgono spazio cosmico, tempo preistorico, fisica delle particelle e conducono a una riflessione sulla rapidita’ del progresso scientifico e sugli effetti dello sviluppo tecnologico”. Dal 12 marzo e’ aperta anche la mostra “Di roccia, fuochi e avventure sotterranee”, organizzata in collaborazione con l’azienda Ghella, che racconta la nascita di 5 grandi opere infrastrutturali, in cantieri tra Europa, Estremo Oriente e Oceania, con oltre 120 immagini realizzate tra 2019 e 2020 da 5 fotografi tra i piu’ interessanti della scena italiana attuale: Fabio Barile, Andrea Botto, Marina Caneve, Alessandro Imbriaco e Francesco Neri.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

L’Aquila Film Festival, doppio appuntamento per la chiusura della 15ma edizione

Si avvia al termine la 15ma edizione dell’Aquila Film Festival con un doppio appuntamento. L’Auditorium …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *