Pescara celebra Gabriele d’Annunzio in cartolina

Nel 101° anniversario dell’impresa di Fiume e nel gran finale della terza edizione del Festival dannunziano la città di Pescara celebra Gabriele d’Annunzio e nello stesso tempo se stessa con un’iniziativa in collaborazione con Poste Italiane. La Sala Flaiano dell’Aurum ha fatto da cornice alla presentazione della brochure con otto cartoline della Pescara d’inizio secolo e un annullo speciale con il francobollo realizzato nel 2013 con un’immagine del  Vate. Alla presentazione e alla timbratura hanno partecipato il sindaco di Pescara, Carlo Masci, il presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, il presidente della Fondazione Museo delle Genti d’Abruzzo, Emilio Della Cagna, e Roberta Sarrantonio, del servizio di Filatelia di Poste Italiane affiancata dal responsabile a Pescara Renzo Gallerati, con un’ introduzione affidata al Conservatorio di musica “Luisa d’Annunzio” e l’esecuzione di una romanza da salotto di Francesco Paolo Tosti a cura di Serena Marrancone (soprano) e Giuseppe Fabrizio (pianoforte). 

«Le otto cartoline scelte per questa splendida brochure – così Masci – ci raccontano in bianco a nero una Pescara che non c’è più, perché come d’Annunzio ha sempre avuto una vocazione verso il futuro. Ma le emozioni non hanno scadenze, sono immuni dalle mode e dal tempo che passa. Anche questo accomuna la città al Vate, un personaggio assolutamente straordinario e poliedrico che è sempre andato oltre il presente e per questo ancora oggi riesce a stupirci per la sua modernità. Non è certamente un caso che d’Annunzio, dopo Dante, sia l’italiano più cliccato su internet. Far conoscere Pescara com’era, grazie a Poste Italiane, significa far conoscere Pescara com’è, e proprio nel segno di Gabriele d’Annunzio». 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Pescara. Lo sceneggiatore del film Governance, Rugo, alla Scuola Macondo per presentare il suo libro ‘Acari’

Sabato 25 settembre alle ore 18:30, la sede della Scuola Macondo di Pescara ospiterà la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *