gestionale telefonia Gestionale Telefonia

Istat, a novembre +19 mila occupati

Risale al 39,4% disoccupazione giovanile

Nel mese di novembre la stima degli occupati e' in lieve crescita rispetto a ottobre (+0,1%, pari a +19 mila unita'). L'aumento - spiega una nota dell'Istat - riguarda le donne e le persone ultracinquantenni. Aumentano, in questo mese, gli indipendenti e i dipendenti permanenti, calano i lavoratori a termine. Il tasso di occupazione e' pari al 57,3%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto a ottobre. I dati mensili confermano un quadro di sostanziale stabilita' dei livelli complessivi che si protrae da alcuni mesi: nel periodo settembre-novembre si registra un lieve calo degli occupati rispetto al trimestre precedente (-0,1%, pari a -21 mila). Il calo interessa gli uomini, le persone tra 15 e 49 anni e i lavoratori dipendenti, mentre si rilevano segnali di crescita per le donne e gli over 50. La stima dei disoccupati a novembre e' in aumento (+1,9%, pari a +57 mila), dopo il calo dello 0,6% registrato nel mese precedente. L'aumento e' attribuibile a entrambe le componenti di genere e si distribuisce tra le diverse classi di eta' ad eccezione degli ultracinquantenni. Il tasso di disoccupazione e' pari all'11,9%, in aumento di 0,2 punti percentuali su base mensile.

La maggiore partecipazione al mercato del lavoro a novembre, in termini sia di occupati sia di persone in cerca di lavoro - spiega ancora la nota dell'Istat - si associa al calo della stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,7%, pari a -93 mila). Il calo interessa entrambe le componenti di genere e tutte le classi di eta'. Il tasso di inattivita' scende al 34,8%, in diminuzione di 0,2 punti percentuali. Nel periodo settembre-novembre al lieve calo degli occupati si accompagnala crescita dei disoccupati (+2,4%, pari a +72 mila) e il calo delle persone inattive (-0,6%, pari a -78 mila). Su base annua si conferma la tendenza all'aumento del numero di occupati (+0,9% su novembre 2015, pari a +201 mila). La crescita tendenziale e' attribuibile quasi esclusivamente ai lavoratori dipendenti (+193 mila, di cui +135 mila i permanenti) e si manifesta sia per le donne sia per gli uomini, concentrandosi esclusivamente tra gli over 50 (+453mila). Nello stesso periodo aumentano i disoccupati (+5,7%, pari a +165 mila) e calano gli inattivi (-3,4%, pari a -469 mila). Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioe' la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), e' pari al 39,4%, in aumento di 1,8 punti percentuali rispetto al mese precedente.

HTML 5 CSS 3
Powered by
GO Infoteam