Enoturismo cresce nelle Città del Vino, 14 milioni di arrivi e spesa di 3 miliardi

Da Nord a Sud c’e’ forte ottimismo sui territori a vocazione vitivinicola, che vedono perlopiu’ crescere l’enoturismo: per oltre il 90% delle Strade e le Citta’ del Vino, fatturato e arrivi del turismo enogastronomico del 2016 sono superiori, o almeno stabili rispetto al 2015, quando sono stati registrati 14 milioni gli accessi e 3 miliardi di euro come volume d’affari. E’ quanto emerge dal XIII Osservatorio del Turismo del Vino di Citta’ del Vino/Universita’ di Salerno, dati presentati in anteprima alla Bit Milano, 52/a edizione della Borsa Internazionale del Turismo, presso l’area della Regione Sicilia. Al sondaggio, precisa Giuseppe Festa del corso in Wine Business dell’Universita’ di Salerno, hanno risposto 116 Comuni (il 27,62% di 420 Citta’ del Vino) e 25 Strade del Vino su 133 (il 18,80%). Laddove viene applicata l’imposta di soggiorno, secondo i dati da Rapporto, e’ sempre investita in servizi enoturistici in 1 Comune su 4 o in progetti per migliorare accoglienza e servizi in 6 Citta’ del Vino su 10. “Le buoni relazioni fanno bene all’economia – ha sottolineato il presidente dell’Associazione Citta’ del vino Floriano Zambon – e quindi ai servizi e alle tasse locali, che come evidenzia il nostro Osservatorio vengono spesso reinvestite proprio nel turismo del vino”. Tuttavia, il 4% dei circuiti enoturistici non ha ancora un sito Internet e non si capisce come possa promuovere il territorio in un mondo digitalizzato e globalizzato. Appena il 24% delle Strade si e’ dotata di una App utile per smartphone. I dati completi dell’Osservatorio saranno poi presentati durante la Convention di Primavera delle Citta’ del Vino, dal 22 al 25 giugno in Umbria, tra Torgiano, Montefalco e Orvieto

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

In Abruzzo una sezione dell’associazione Green Bird, volontari a caccia di rifiuti

Attivita' di volontariato finalizzata alla raccolta di rifiuti nei luoghi urbani, dai parchi alle spiagge, dalle piazze alle strade. Sono quelle promosse da 'Green Bird', organizzazione senza scopo di lucro, che ha un unico gruppo in Italia, in Abruzzo, ma che punta ad accrescere i partecipanti alle iniziative sul territorio e a promuovere la nascita di nuovi gruppi a livello nazionale. Il tutto con uno slogan: "La citta' pulita crea una mente pulita". Nata in Giappone, la Green Bird conta 80 gruppi nel Paese nipponico e 16 in altri Paesi, tra cui Usa, Francia, Inghilterra e Cina. L'ultima iniziativa italiana si e' svolta domenica a Pescara, in spiaggia: sono stati raccolti 17 sacchi di rifiuti differenziati, tra cui molto polistirolo e materiali plastici. L'organizzazione di recente sta cercando di coinvolgere anche le scuole pubbliche, con l'obiettivo di sensibilizzare i piu' giovani e farli partecipare alle attivita'.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *