Poa magellensis, una nuova specie dell’Appennino centrale

Una specie nuova per la scienza: Poa magellensis. Si tratta di una piccola pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Poaceae, che vive sulle creste piu’ elevate del Parco Nazionale della Majella, nell’Appennino centrale. E’ una pianta endemica della Majella ed e’ per questo che le e’ stata dedicata. La pianta piu’ vicina e’ Poa ligulata, che vive in Spagna e Marocco e che, come la nuova specie, si caratterizza per avere alla base delle foglie strutture argentee (ligule) particolarmente sviluppate. Le ligule la rendono riconoscibile e bella agli occhi meno distratti, perche’ colorano di riflessi argentei i cuscinetti di foglie tra le rocce. E’ il risultato di un lavoro di squadra condotto dai ricercatori dell’Universita’ di Camerino Fabio Conti e Fabrizio Bartolucci, che hanno individuato e descritto la pianta successivamente pubblicando, in collaborazione con il botanico del Parco della Majella Luciano Di Martino, un articolo scientifico sulla rivista Phytokeys (https://phytokeys.pensoft.net/article/49971/).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Il caldo risveglia le api anche in Abruzzo

Anche in Abruzzo le temperature sopra la norma e le ripetute giornate di sole di questo febbraio anomalo hanno risvegliato in anticipo le api presenti sul territorio regionale che sono state ingannate dalla finta primavera. E’ quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti sugli effetti di un inverno bollente con una temperatura che fino ad ora è stata in Italia superiore di 1,65 gradi la media storica secondo le elaborazioni su dati Isac Cnr relativi al mesi di dicembre e gennaio. “Si tratta di una situazione anomala che in Abruzzo coinvolge un patrimonio apistico di oltre mille apiari per un totale di circa 40mila alveari e 700 apicoltori con una produzione destinata al 21 per cento all’autoconsumo e il 79 per cento al mercato per un valore complessivo di 4-5 milioni di euro l’anno – dice Coldiretti Abruzzo - le temperature sopra i 15 gradi hanno fatto uscire le api dagli alveari attirate dai primi fiori spontanei per prepararsi alla ripresa del loro prezioso lavoro primaverile di bottinatura ed impollinazione. Ora però – sottolinea la Coldiretti - il rischio è che eventuali ritorni di freddo possano far gelare i fiori e far morire parte delle api dopo una delle peggiori annate per la produzione di miele in Italia”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *