Giornate FAI d’Autunno, appuntamento sabato 16 e domenica 17 ottobre a Roccamorice.

I Giovani del FAI, con il supporto di tutte le Delegazioni, i Gruppi FAI e i Gruppi FAI Ponte tra culture, propongono per sabato 16 e domenica 17 ottobre la decima edizione delle Giornate d’Autunno con visite in 600 luoghi solitamente inaccessibili o poco noti in 300 città d’Italia tra cui 42 luoghi del Ministero della Difesa, dello Stato Maggiore della Difesa e delle Forze Armate, aperti in occasione del centenario del Milite Ignoto.
Torna la grande festa delle Giornate FAI, la più importante manifestazione di piazza dedicata al nostro patrimonio artistico e culturale. Con energia, coraggio, voglia di fare, di migliorare e migliorarsi, di condividere e soprattutto con una passione travolgente per il nostro Paese, oltre 5.000 tra delegati e volontari FAI sono pronti a far
innamorare tutti gli italiani dell’Italia. L’opportunità, ogni anno nuova e diversa, per accostarsi a un
patrimonio smisurato e policromo, raccontato per l’occasione con l’entusiasmo contagioso di tutti i giovani che
sposano la missione culturale del FAI: diffondere e coltivare la consapevolezza che l’Italia custodisce tesori
inestimabili, fondamento dell’orgoglio che ogni cittadino prova davanti all’eccezionale bellezza del Paese e solida
base su cui costruire la prosperità del futuro. Le Giornate FAI sono, dunque, un incontro sentimentale, un
abbraccio collettivo tra i visitatori e l’ambiente che li circonda, prodigo di natura, arte e storia. In una parola:
cultura.
Il catalogo dei luoghi visitabili è, come di consueto, amplissimo così come tantissime sono le tipologie
rappresentate: dai complessi religiosi ai palazzi, dai castelli alle aree archeologiche, dai piccoli musei ai parchi e
giardini storici, e ancora borghi, aree naturalistiche, luoghi produttivi e molto altro. Inoltre, in occasione del
centenario della traslazione della salma del Milite Ignoto, il Ministero della Difesa, lo Stato Maggiore della
Difesa e le Forze Armate concederanno l’accesso straordinario in 42 loro luoghi-simbolo di significativa
importanza storica e istituzionale.
Tutti i visitatori potranno sostenere il FAI. È infatti suggerito un contributo non obbligatorio di 3 euro. La
donazione online consentirà, a chi lo volesse, di prenotare la propria visita, assicurandosi così l’ingresso nei luoghi
aperti dal momento che, per rispettare la sicurezza di tutti, i posti saranno limitati. Chi lo vorrà potrà anche
iscriversi al FAI online oppure nelle diverse piazze d’Italia durante l’evento.

 

LA X EDIZIONE NEL PICCOLO BORGO DI ROCCAMORICE TRA ARTE E NATURA

Quattro itinerari da non perdere nel cuore del Parco Nazionale della Maiella

Percorso 1 —Turni di visita ogni 60 minuti dalle ore 1000 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00
centro storico: Chiesa San Donato— Portale Palazzo Zambra – Chiesa SS.ma Annunziata/Centro d’Arte e Cultura ” Alberto Di Giovanni”—Torre Medioevale
Percorso 2 — Turni di visita ore 1000 – 11.00 – 12.00 / ore 15.00 – 16.00
Alla scoperta antica Grangia di San Giorgio
Percorso 3 — Turni di visita ore 1000— 11.00 / ore 15.00— 16.00 Ex sito minerario di “Acquafredda”: tra archeologia industriale e paesaggio minerario
Percorso 4 – Turni di visita ore 10.00, 11.00, 1200 / ore 14.30, 15.30 Passeggiata lungo il sentiero del villaggio pastorale “Colle della Civita”

PRENOTAZIONI SU: WWW.GIORNATEFAI. IT FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Eventi collaterali:
Escursione E-bike nei sentieri a cura Ass.ne Majella Bike-Adventures – info e prenotazione obbligatoria al nr. 327 91 79819 (PER I (PERCORSI NATURALISTICI OBBLIGATORIO SCARPE DA TREKKING)

Per orari, modalità di accesso ed eventuali variazioni al programma si consiglia di consultare il sito www.giornatefai.it

Info: pescara@faigiovani.fondoambiente.it— pescara@delegazionefai.fondambiente.it -Tel. 347 2369407

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Clima, Cmcc: in Italia aumento delle temperature di 2-5 °C entro il 2050

da https://www.lanuovaecologia.it/clima-cambiamento-climatico-italia-pioggia-caldo-siccita/?utm_source=sendinblue&utm_campaign=newsletter_settimanale&utm_medium=email Il rapporto del Centro euromediterraneo sui cambiamenti climatici disegna il futuro che ci …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *