A Musellaro (Pe) i festeggiamenti in onore del SS.mo Crocifisso Miracoloso

A Musellaro (Pe) il 18-19-20 settembre i festeggiamenti in onore del SS.mo Crocifisso Miracoloso. Presentato il programma.

Anche quest’anno un ricco calendario di appuntamenti con spettacoli e intrattenimento, ad affiancare il programma religioso, quello programmato dal Comitato Feste

Si rinnova un appuntamento che richiama molti pellegrini ai quali il piccolo centro di Musellaro, frazione di Bolognano nell’alta Val Pescara, accoglie con l’esposizione del drappo rosso dai  balconi delle case che ricorda  la fascia rossa di cui è cinto il Crocifisso e nello stesso tempo rimanda all’immagine del racconto di un miracolo, quella di un cavaliere cinto di rosso che fece fuggire i soldiati arrivati all’ingresso di Musellaro a riscuotere le tasse e dazi dai poveri contadini gravati da tempo da condizini di estrema miseria casuata dalle carestie e dai pesanti e inguisti oneri fiscali.

Sono in tanti i quali per ragioni di lavoro o emigrati anche all’estero fanno in modo di organizzarsi per tornare ogni anno e partecipare ai festeggiamenti. E’ cosi l’occasione per rivedere parenti e amici, per una settimana tutti si ritrovano in nome della Festa del SS.mo Crocifisso Miracoloso e grazie alle nuove tecnologie riescono fare vivere anche a distanza i festeggiamenti attraverso commenti, foto e video sul gruppo facebook Musellaro dal link https://www.facebook.com/groups/36557163902/

 

“L’applicazione della normativa Security and Safety, per quato indubbiamente utile e concreta, è risultata essere una oggetiva difficoltà. In molte altre piccole realtà sappiamo che si è deciso di non organizzare manifestazioni prorpio per il fatto che tali normative sono dispendiose e di difficile gestione,  ma nonostante tutto il nostro piccolo centro è riuscito ad organizzare i festeggiamenti nel pieno rispetto della normativa, anche se non con poche difficoltà, in particolare grazie al fatto che la Festa per i musellaresi ha un valore importantissimo e la tenacia di certo non manca”, affermano i responsabili del Comitato Feste.

 

Un pò di storia. L’arrivo delle reliquie a Musellaro.

L’espansione dei mussulmani nel medio oriente aveva rappresentato, per i cristiani e per Gerusalemme in particolare, la fine del culto: i mussulmani ridussero a moschee tutte le chiese cristiane, ad eccezione di quella del S. Sepolcro a causa dei pellegrini che rappresentavano la ricchezza di Gerusalemme, abbatterono tutte le croci, le profanarono e le buttarono via assieme a tutti gli oggetti sacri. Così il crociato conte del Balzo trovò gettato in un fosso questo Crocifisso ed un dipinto di Madonna su tela. Rientrato a Pescara, di passaggio per Musellaro, donò ai baroni Tuzio il Crocifisso e il dipinto che furono tenuti in grande venerazione nel palazzo.
Dopo pochi anni la peste distrusse quasi l’intera popolazione e i membri della famiglia baronale. L’unico superstite, il giovane Tiburzio Tuzio, trasformò un’ala del castello in Chiesa parrocchiale in sostituzione di quella originale di S. Nicola di Bari, fuori le mura a seguito dei saccheggi continui che essa subiva. Tale Chiesa fu consacrata dal Vescovo di Chieti, Bartolomeo I e dedicata a S. Maria del Balzo (come tuttora è chiamata) in memoria del conte che donò la tela. Nel 1659 i baroni Tabassi di Sulmona acquistarono la baronia di Musellaro ed il crocifisso fu abbandonato in un cantuccio della faterna (ripostiglio di cose vecchie).
Qualche tempo dopo (probabilmente tra il 1600 e il 1700) avvenne un fatto prodigioso. Il barone de L’Aquila esigeva degli oneri fiscali assai gravosi dai musellaresi. Ma questi, perché morosi da molti anni a causa dell’estrema miseria, mandò un capitano con alcuni soldati per disperdere od imprigionare i cittadini e così poter vendere il fondo rustico. Senonché, arrivati alle porte del villaggio, una densa nube di nebbia e polvere accecò i soldati a tal punto da indurli a desistere dalla loro missione anche per l’arrivo di un corriere con l’ordine di tornare indietro; questo perché il SS.mo Crocifisso, sotto le sembianze di un nobile cavaliere, cinto di fascia rossa, si era presentato al barone de L’Aquila, riscattando tutti i pesi passati, presenti e futuri.
Nel frattempo, i musellaresi, intimoriti dell’arrivo dei soldati aquilani, pregavano con il parroco quando Elena, la sagrestana vecchia e zoppa, andata nella faterna a prendere l’olio per le lampade, vide l’abbandonato e rotto crocifisso ricongiunto, attaccato alla croce e grondante sangue. La vecchia cercò di asciugarlo riempiendone due fazzoletti. I fedeli, visto lo strepitoso miracolo, subito restituirono al Crocifisso la venerazione dovuta, e trasformarono la faterna in Oratorio (l’attuale Santuario). Il Vescovo di Chieti mandò il suo vicario a costatare il miracolo del sangue, confermato poi dalla risurrezione di un bambino morto soffocato per aver ingoiato acini di uva. Questi raschiò il pavimento bagnato di sangue mettendo il tutto in una cassetta poi murata nell’altare dove tuttora si trova, e portò i due fazzoletti a Chieti e poi a Roma. Il luogo dove avvenne il prodigio della nebbia prese il nome di Crocetta e lì vene costruita una piccola cappella detta della Conicella.

di Fabio Di Bartolomeo

(Foto Stefania Marinelli)

 

Il programma in dettaglio nei giorni 18-19-20 settembre 2018

MARTEDÌ 18 SETTEMBRE

ORE 7:00 – Inizio festeggiamenti e sparo mortaretti

ORE 9:00 – Santa Messa

ORE 9:00 – Matinée musicale con la banda per le vie del paese con il complesso bandistico “Città di Lettomanoppello”

ORE 18:00 – ESPOSIZIONE del Ss.mo CROCIFISSO MIRACOLOSO – Adorazione e Santa Messa

ORE 21:30 – Spettacolo musicale di PIZZICA PIZZICA con i “RIPATEMARE”

ORE 23:45 – Fuochi pirotecnici

MERCOLEDÌ 19 SETTEMBRE

ORE 9:00 – Santa Messa

ORE 9:00 – Matinée musicale con la banda per le vie del paese con il complesso bandistico “Città di Lettomanoppello”

ORE 11:00 – Santa Messa Solenne con Processione e fuochi pirotecnici

ORE 18:00 – Santa Messa

ORE 21:30 – Spettacolo musicale con i “CANVAS” Rock Live – Voce: Francesco Conti

ORE 23:45 – Fuochi pirotecnici

GIOVEDÌ 20 SETTEMBRE

ORE 9.00 – Santa Messa

ORE 9.00 – Matinée musicale con la banda per le vie del paese con il complesso bandistico “Città di Lettomanoppello”

ORE 11.00 – Santa Messa Solenne con Processione e riposizione del SS.mo Crocifisso

Miracoloso

ORE 18:00 – Santa Messa

ORE 21:30 – Concerto Live con i “REGINA” The Real QUEEN Experience

ORE 23.45 – Estrazione Lotteria

ORE 24.00 – Chiusura dei Festeggiamenti con fuochi pirotecnici

Durante i tre giorni di festa ci sarà la “PESCA DI BENEFICENZA” il cui ricavato sarà interamente devoluto in favore dell’AIL (Associazione Italiana Leucemie, Linfomi e Mielomi) di Pescara.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ortona, Di Nardo: Il Comune chiede la Tari anche a agli agricoltori esentati dal pagamento

Una pioggia di richieste di pagamenti Tari, rivolta a quegli agricoltori che invece sono, per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.