Cambio al vertice nell’Udc di Pescara. L’avvocato Paolo D’Incecco, è il nuovo coordinatore cittadino.

L’esecutivo regionale dell’UDC dell’Abruzzo, costituito dal segretario regionale
Enrico Di Giuseppantonio e dai vertici provinciali del partito, ha ratificato
all’unanimità la proposta del coordinatore provinciale di Pescara Andrea Colalongo
e ha nominato coordinatore comunale di Pescara l’avvocato Paolo D’Incecco,
49 anni, professionista affermato, già vicesegretario cittadino e dirigente provinciale
dalla lunga e ininterrotta militanza nel partito fin dalla sua costituzione.
Al neo cooordinatore sono stati conferiti pieni poteri per la riorganizzazione sul
territorio dell’azione politica dell’UDC, con invito a costituire e guidare un direttivo
di supporto alle iniziative fino alla celebrazione del congresso.
Il coordinatore provinciale Andrea Colalongo ha motivato la scelta con “l’esigenza
di affidare a una guida esperta il rilancio dell’azione politica dei centristi e di avviare
dal capoluogo la riorganizzazione provinciale del partito, chiamato nei prossimi mesi
al rinnovo degli organi statutari a tutti i livelli e pronto ad aprirsi ai liberi e forti che
hanno a cuore i valori del popolarismo europeo, agli esponenti dell’associazionismo
cattolico e ai moderati della società civile”.
Il neo coordinatore Paolo D’Incecco ha accettato la nomina, dichiarando di essere:
“grato e onorato della fiducia mostrata nei miei confronti e della responsabilità
affidatami. C’è tanto da fare e la fase storica che viviamo certamente non ci agevola.
Ma sono certo che con il coinvolgimento e la collaborazione di tutti, sapremo offrire
un pungolo costruttivo e un supporto leale all’amministrazione cittadina, mettendo le
nostre idee e energie a disposizione della coalizione di centrodestra”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

‘Conoscere Inarcassa: previdenza e assistenza per architetti e ingegneri’

‘Conoscere Inarcassa: previdenza e assistenza per architetti e ingegneri’: è questo il titolo del seminario …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *