Spoltore Sicura: ampliamento della videosorveglianza sul territorio comunale

Dieci nuove telecamere, miglioramento dell’infrastruttura di trasmissione dei dati, potenziamento dei collegamenti radio, adeguamento dei cablaggi e ampliamento delle licenze per la gestione delle telecamere, con l’estensione del Car Plate Server che collega tra loro sistemi di lettura targa fissi, mobili o veicolari. Sono i punti chiave di “Spoltore Sicura”, il progetto di ampliamento della videosorveglianza sul territorio di Spoltore stato appena approvato dalla giunta. Servirà a chiedere un finanziamento di 52.731,94 euro al Ministero degli Interni (il 49% dell’importo totale, che sarà integrato dai fondi comunali) e sarà realizzato di concerto con la Prefettura. “Abbiamo sempre considerato la sicurezza una priorità di quest’amministrazione” spiega il sindaco Luciano Di Lorito “e per questo impegniamo una quota importante del nostro bilancio. “Le telecamere sono il principale strumento a nostra disposizione per aiutare le forze dell’ordine e garantire ai cittadini la sensazione di controllo necessaria a vivere con serenità nelle proprie abitazioni e negli spazi urbani”.

Le nuove telecamere saranno della tipologia in grado di leggere automaticamente le targhe. Attualmente sono già presenti sul territorio 40 telecamere, alcune già con il lettore targa, che comunicano attraverso il wi-fi con il centro di controllo dove le immagini vengono anche registrate. “Il nuovo sistema sarà utilizzato per i varchi d’accesso al territorio di Spoltore” chiarisce il sindaco “che saranno dunque tutti dotati di controllo automatizzato delle targhe: le telecamere tradizionali saranno invece ricollocate, ovviamente nei punti già interessati dalla rete”. Tra i luoghi che saranno interessati dai nuovi impianti, la strada di collegamento tra Pescara Colli e Spoltore, tra via del Circuito di Pescara e la frazione di Villa Raspa, le rampe di accesso alla viabilità veloce dell’asse attrezzato. Nell’elenco anche via Pescarina, i collegamenti con i colli di Montesilvano, le vie principali all’interno del centro abitato di Santa Teresa.

In sostanza, quando un mezzo attraversa il territorio di Spoltore, la sua targa viene automaticamente registrata e verificata con le diverse banche dati Ministeriali, eventuali black list (relative ad esempio a mezzi rubati o sotto indagine). Eventuali allarmi vengono comunicati in tempo reale: il sistema effettua il controllo targa in meno di un secondo. “Abbiamo chiesto i fondi per l’ampliamento” mette in chiaro Di Lorito “ma se non dovessimo ottenerli l’ampliamento sarà realizzato comunque.” Si tratta della seconda richiesta al ministero che coinvolge il territorio di Spoltore: la prima nell’ambito del “Patto per l’attuazione della sicurezza urbana” sottoscritto nel 2018 tra Prefettura di Pescara, Comune di Spoltore, Comune di Pescara, Comune di Montesilvano e Comune di Città Sant’Angelo.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ortona, Di Nardo: Vaccinazione Covid, utilizziamo il palazzetto dello sport per migliorare il servizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *