Arte e cultura per la salute mentale dei giovani: la “d’Annunzio” partecipa ad uno studio internazionale sulla salute mentale degli adolescenti

L’arte e la letteratura possono dare un grande contributo nel miglioramento dei sintomi di depressione e di ansia nei ragazzi. A dimostrarlo e’ uno studio internazionale a cui hanno preso parte un team di scienziati dell’Universita’ di Harvard, dello Shamiri Institute e dell’Universita’ di Nairobi, e anche l’Universita’ degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara. Lo studio, che ha coinvolto Pier Luigi Sacco, ordinario di Politica Economica presso il Dipartimento di Scienze Filosofiche, Pedagogiche, ed Economico-Quantitative della “d’Annunzio”, si e’ svolto in Kenya ed e’ stato pubblicato sulla prestigiosa rivista “eClinicalMedicine”. I risultati hanno evidenziato gli effetti particolarmente positivi di un intervento di arte-letteratura sull’abbattimento dei sintomi di depressione e di ansia nei ragazzi. L’intervento, noto come “Pre-Texts”, ha mostrato di ridurre in modo significativo i sintomi depressivi e di ansia nei partecipanti, offrendo un’evidenza concreta sull’efficacia di approcci non farmacologici nella gestione dei disturbi mentali giovanili. Questo importante passo avanti diventa fondamentale per i ulteriori progetti che la “d’Annunzio” si appresta a realizzare.

A partire da questa ricerca infatti nasceranno altre iniziative finalizzate a promuovere interventi culturali di cambiamento comportamentale a beneficio non solo della comunita’ accademica ma anche della cittadinanza. Il protocollo “Pre-Texts” e’ stato presentato nei mesi scorsi, su iniziativa del Comune di Pescara, ai docenti di alcuni Istituti scolastici cittadini. Presso lo Spazio Matta c’e’ stata una prima sessione di formazione per i docenti coinvolti come facilitatori. Il protocollo e’ stato cosi’ gia’ applicato nelle attivita’ formative di alcune classi a Pescara e saranno presto avviate nuove sessioni di formazione per nuovi docenti. Saranno poi gradualmente estese agli Istituti di altri comuni abruzzesi interessati, trasformando cosi’ la nostra regione in un laboratorio di sperimentazione di nuovi approcci alla salute mentale dei giovani attraverso l’arte e la cultura. “Questo importante percorso di ricerca e di intervento sul territorio – sottolinea Sacco – si inquadra nell’imminente costituzione del nuovo centro di Ateneo BACH (Biobehavioral Arts and Culture for Health, sustainability and social cohesion), un polo di studio e di ricerca dedicato specificamente agli effetti bio-psico-comportamentali della cultura per la promozione della salute fisica e mentale, della coesione sociale e dei comportamenti ambientalmente sostenibili. La “d’Annunzio” e’ gia’ molto attiva per far si’ che questa sinergia innovativa coinvolga altre istituzioni a livello regionale, nazionale e internazionale – conclude Sacco – con l’intento di creare percorsi e programmi scientificamente validati che possano promuovere obiettivi di qualita’ sociale attraverso l’arte e la cultura”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Alto Vastese, la Asl in cerca di ambulatori per assistenza primaria

Un sopralluogo finalizzato alla ricerca di ambulatori da dedicare all’assistenza primaria è stato effettuato da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *