Chieti, il Ministro Bernini all’inaugurazione dell’Anno Accademico all’Università “D’Annunzio”

Sara’ il ministro dell’Universita’ e della Ricerca, Anna Maria Bernini, a chiudere la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno accademico 2023-2024 dell’Universita’ degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, in programma il 17 gennaio prossimo, alle 11.30, nell’Auditorium del Rettorato a Chieti. Per la prima volta la cerimonia sara’ presieduta dal rettore, Liborio Stuppia, eletto il 24 febbraio 2023, proprio poco dopo la cerimonia inaugurale dello scorso anno, ed insediatosi ufficialmente il successivo 7 giugno. La solenne cerimonia che vedra’ la presenza dell’intera comunita’ accademica della “d’Annunzio”, di Rettori di altri Atenei italiani, di autorita’ civili, religiose e militari, prendera’ il via alle 11:20 con l’ingresso del corteo in Auditorium e l’intervento del Coro “Ud’A Incanto” che eseguira’ gli inni. Dopo il discorso del magnifico rettore, Liborio Stuppia, sul tema “L’Universita’ aperta e i suoi orizzonti”, lo stesso proclamera’ ufficialmente aperto il nuovo anno accademico 2023-2024 dell’Universita’ degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara. Seguira’ la prolusione ufficiale “Cultura e Salute: verso un modello di welfare culturale” del professor Pierluigi Sacco, ordinario di Politica economica presso il dipartimento di Scienze filosofiche, pedagogiche ed economico-quantitative. Sara’ poi la volta dei saluti della dottoressa Annarita Tomei, in rappresentanza del Personale T/A dell’Ateneo, e del signor Francesco Colangelo, rappresentante degli Studenti della “d’Annunzio”. Prima della esecuzione del “Gaudeamus” da parte del coro, la cerimonia si chiudera’ con l’atteso intervento del ministro dell’Universita’ e della Ricerca, Anna Maria Bernini, previsto per le 12.15.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Rifiuti e contaminanti su fiumi, Provincia di Pescara ordina la rimozione

La Provincia di Pescara ordina la messa in sicurezza delle aree limitrofe la discarica Tremonti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *