Chieti, sulle mense scolastiche decide il Comune dopo la decisione del Tar

Dovrà essere il Comune a decidere se procedere all’affidamento dell’appalto scorrendo la graduatoria esistente, oppure se annullare in via di autotutela l’intera procedura di gara e lo farà confrontandosi con l’Ufficio legale. È quanto hanno comunicato il sindaco di Chieti, Diego Ferrara, e gli assessori Enrico Raimondi e Teresa Giammarino, a proposito della sentenza con la quale il Tar ha escluso le prime tre ditte che hanno partecipato alla gara d’appalto per il servizio di refezione scolastica. Per sindaco e assessori i giudici amministrativi non hanno affatto annullato la gara, ma a fronte delle istanze presentate dai vari ricorrenti hanno rimesso la scelta in capo all’Amministrazione. Attualmente il servizio di refezione scolastica a Chieti è affidato alla Ladisa.

“Nei fatti il Tar, accogliendo uno dei motivi di ricorso della Ladisa – dicono Ferrara, Raimondi e Giammarino – ha annullato l’aggiudicazione alla prima ditta risultata in graduatoria, Rti Consorzio Appalti Italia, e contemporaneamente ha accolto uno dei motivi di ricorso della Compass, terza ditta in graduatoria, affermando che anche la Ladisa va esclusa dalla gara, unitamente alla Compass e a Rti Consorzio Appalti. In sostanza, tutte e tre le ditte che si sono posizionate prima, seconda e terza, devono essere escluse per errori nell’offerta. Questo il quadro e su questo, insieme agli avvocati dell’Ente verificheremo qual è la scelta migliore da compiere – concludono – sia per continuare a garantire la mensa, che a fronte dell’ultima sentenza non verrà interrotto, ma soprattutto per evitare ulteriori contenziosi di cui non sarebbero certi i tempi e che andrebbe sicuramente a danno dell’utenza e del servizio stesso”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Nereto, 50 trattori sfilano per la giornata del ringraziamento

Cinquanta trattori hanno assediato fin dalle prime ore nel centro di Nereto per festeggiare la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *