Dati Arta sulla balneabilità del mare a Montesilvano

I dati delle acque del mare di Montesilvano (da maggio a luglio 2020), certificati dalle analisi effettuate dall’Arta (l’agenzia regionale per la tutela dell’ambiente) rivelano un’ottima qualità per la balneazione in tutti i punti prelevati (zona foce Saline, zona antistante via Leopardi, zona antistante via Bradano, zona antistante foce fosso Mazzocco). I dati degli enterococchi risultano su 100 ml <10 (limiti legislativi 200) e degli escherichia coli su 100 ml tra 10 e 20 in tutti i punti, tranne alla foce del Saline 50 (limiti legislativi 500).

“In questi anni la nostra amministrazione ha sempre lavorato per migliorare la qualità della balneazione – afferma il sindaco Ottavio De Martinis. Rispetto ai controlli del 2019 sulla concentrazioni di microrganismi inquinanti come gli escherichia coli e gli enterococchi nelle acque del mare i risultati del 2020 sono ottimi. Dati che per il secondo anno di fila garantiscono un percorso tale da poter ambire alla Bandiera Blu, che avevamo annunciato come obiettivo fin dal mio insediamento. Oltre alle acque pulite possiamo garantire anche una serie di servizi richiesti dalla commissione. Continueremo a monitorare la nostra costa per offrire acque sempre al massimo della qualità”.

Soddisfatta anche l’assessore al Turismo Deborah Comardi: “La balneabilità delle nostre acque è un biglietto da visita determinante per i turisti, che vogliono prenotare le vacanze a Montesilvano e per i residenti, che possono godersi praticamente sotto casa il mare pulito. Per la Bandiera Blu occorrono però anche altri requisiti come le spiagge accessibili per le persone disabili, i servizi per gli anziani e un litorale alla portata dei bambini. Tutte qualità che questa città possiede, con la Bandiera Verde confermata per l’undicesimo anno consecutivo e con le spiagge per disabili e accessibili anche per gli anziani possiamo dire di essere molto vicini all’ambito riconocimento”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Cia Chieti- Pescara: manca l’acqua nei Consorzi Sud e Centro, a pagare sono gli agricoltori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *