Federsanità, in Italia la stima della spesa per la cronicità è 66,7 miliardi

“Una popolazione che invecchia rapidamente e negli ultimi due anni si è molto impoverita richiede interventi rapidi ed efficienti. E, a partire dal PNRR, gli strumenti per attuare riforme sul piano della sanità territoriale-sociale esistono e devono orientarsi verso una medicina di iniziativa per una presa in carico reale e a tutto campo”. Così Tiziana Frittelli, Presidente Nazionale di Federsanità e Direttore Generale dell’AO San Giovanni Addolorata di Roma all’evento inaugurale del Forum Risk Management Sanità in corso ad Arezzo.

“Siamo in un momento molto particolare e critico. I dati Istat ci consegnano una popolazione che sta invecchiando rapidamente. Dobbiamo tradurre l’attenzione sull’organizzazione territoriale in linee operative. Attualmente nel nostro paese si stima una spesa complessiva di circa 66,7 miliardi per la cronicità. Nel 2028 ne spenderemo 70,7. Sicuramente il PNRR ha liberato la necessità di validare riforme sul piano della sanità territoriale e il DM 77 ci da gli strumenti, ma dobbiamo fare i conti con la situazione sociale del Paese: 4,6 milioni di persone in povertà assoluta, di cui 1,4 minori. A fine 2020, il 20% più ricco degli italiani deteneva oltre i due terzi della ricchezza nazionale, mentre il 60% più povero il 14,3%. Una donna su due non lavora e il tasso di disoccupazione è il terzo più alto d’Europa. Oltre 3 milioni di giovani non studiano e non lavorano. Il tasso di natalità è tra i più bassi al mondo. Le persone che non fanno sport ne’ praticano attività fisica sono il 35,2 % della popolazione”.

Secondo la Presidente di Federsanità “abbiamo una serie di strumenti che hanno il loro punto di contatto negli ambiti territoriali-sociali e nelle Case di Comunità, attraverso il Punto Unico di Accesso. Questo vuol dire che non solo nell’ambito del distretto – il punto centrale della nuova sanità – dovremo assicurare i livelli essenziali di assistenza, ma anche i LEPS, ovvero i livelli essenziali di prestazioni sociali. E veniamo al punto della necessità di un approccio pragmatico che affronti la riorganizzazione dei sistemi per evitare che gli interventi sul finanziamento del Ssn e sul personale siano in breve consumati dalle attuali inadeguatezze”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Acqua, a fine febbraio il punto sulle risorse idriche

Il Presidente dell’Aca Giovanna Brandelli rimanda a febbraio la possibilità di valutare la consistenza della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *