Lanciano, tre donne arrestate per usura e spaccio

Tassi d’interesse usurari sino al 5 mila per cento per una giovane imprenditrice di Lanciano che da un prestito di poche centinaia di euro è arrivata a pagare oltre 21 mila euro; ma avrebbe dovuto versarne ancora migliaia e ha denunciato tutto alla polizia. Oggi gli agenti hanno eseguito 3 ordinanze di misura cautelare, agli arresti domiciliari, nei confronti di 3 donne residenti a Lanciano accusate di usura e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Le indagini sono partite dalla denuncia dell’imprenditrice lancianese vessata da continue richieste, a sfondo estorsivo, di pagamento delle rate del prestito che sarebbe stato concesso, a tasso usuraio, dalle indagate. Inoltre, lo stato di sudditanza psicologica avrebbe provocato all’imprenditrice problemi fisici e psicologici tanto da sottoporsi a cure mediche specialistiche per alleviare il forte stress scaturito dalle preoccupazioni provocate dalle continue minacce.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ridotta in appello la condanna all’ex assessore regionale De Fanis

La Corte d’Appello a L’Aquila ha ridotto la pena a 4 anni 3 mesi e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *