Maltempo, tre feriti ricoverati in prognosi riservata

“Tre persone ricoverate in prognosi riservata in codice rosso ed un’altra in codice verde” a Pescara a causa del forte vento – con raffiche superiori ai 100 chilometri orari – che nel primo pomeriggio ha colpito l’Abruzzo. Lo fa sapere la Prefettura di Pescara, nel fare il bilancio dei numerosi interventi eseguiti dal personale del Centro coordinamento soccorsi (Ccs) convocato a Palazzo del Governo. Stando a quanto risulta alla Polizia municipale di Pescara, tra i feriti ci sarebbero due persone cadute a terra, sbalzate dalle forti raffiche, e un addetto di uno stabilimento balneare colpito da un oggetto mentre stava mettendo in sicurezza le strutture sulla spiaggia. A fornire informazioni sui feriti nel corso della riunione del Ccs sono state la Asl e la Croce Rossa Italiana.

Raffiche di vento di 122 chilometri orari a Silvi Paese, di 119 chilometri orari al Rifugio Franchetti, sul Gran Sasso, di 116 chilometri orari a Citta’ Sant’Angelo, di 108 chilometri a Chieti, di 107 chilometri a Pianella e fino a cento chilometri orari a Pescara e su tutta la costa. Questi i dati registrati dalle stazioni meteorologiche dell’associazione Aq Caput Frigoris e analizzati dal meteorologo Giovanni De Palma.

Un’impalcatura posizionata su un palazzo di sette piani nel centro di Pescara e’ crollata a causa delle violenti raffiche di vento che dal primo pomeriggio hanno interessato la costa abruzzese. L’episodio e’ avvenuto in piazza Primo Maggio, dove si trova la Chiesa del Mare. La struttura e’ finita su una palma, che ha evitato che cadesse nel parcheggio sottostante. Non ci sono stati feriti. Sul posto, al momento, stanno operando gli addetti della ditta proprietaria del cantiere, che si sta occupando della messa in sicurezza. Danni e disagi in tutta la citta’. Una quindicina gli alberi di grosse dimensioni caduti sulle strade e sulle auto in sosta. Numerose le strade chiuse al traffico. Tra queste la centralissima via Regina Margherita dove un pino storico e’ finito su quattro automobili. I Vigili del Fuoco hanno decine di interventi in coda e per ripristinare la viabilita’ e rimuovere gli alberi sta operando anche la Protezione civile. Ovunque, in citta’, si registrano tetti e tettoie danneggiate, cartelloni pericolanti, gazebo e ombrelloni volati via e rami caduti a terra

“Nel corso del pomeriggio odierno – si legge in un comunicato della Prefettura – in poche ore sono state gestite centinaia di telefonate da parte di cittadini ai centralini delle Forze dell’ordine e dei Vigili del Fuoco ed effettuati numerosi interventi da parte di tutte le componenti del C.C.S., convocato in relazione ai forti venti di burrasca che hanno interessato la citta’ e la provincia di Pescara. In particolare sono stati effettuati i seguenti interventi: Vigili del fuoco, 40; Polizia di Stato, 5; Carabinieri, 39 in tutta la provincia; Polizia municipale di Pescara, 23; Capitaneria di Porto, due interventi di soccorso in mare; Polizia municipale di Montesilvano, 15. La Polizia stradale ha monitorato gli assi viari di competenza ed effettuato cinque interventi. Alcuni interventi sono ancora in corso al fine di ricondurre la situazione alla completa normalita’”, conclude la Prefettura

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sicurezza stradale, campagna di sensibilizzazione per gli studenti aquilani contro l’uso di alcol e stupefacenti

Istituzioni in campo per sensibilizzare gli studenti sui rischi di incidenti stradali legati all’assunzione di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.