Nuova Pescara: il sindaco di Montesilvano risponde ad Antonelli

Nuova Pescara:  inviata dal sindaco Ottavio De Martinis e dal presidente del Consiglio comunale Ernesto De Vincentiis al presidente del Consiglio comunale di Pescara Marcello Antonelli, una  lettera di risposta (vedi sotto) dopo la comunicazione di ieri che riportiamo qui:

Nuova Pescara, Antonelli scrive ai sindaci
Il presidente del Consiglio comunale di Pescara, Marcello Antonelli, in vista della seduta dell’Assemblea Costitutiva del Comune di Nuova Pescara in calendario per il prossimo 7 settembre, ha inviato una lettera ai primi cittadini e, per conoscenza, ai vertici istituzionali delle tre amministrazioni interessate dalla Legge regionale istitutiva (L.R. del 28 agosto 2018 n. 26). Nella missiva Antonelli ha sottolineato il ritardo rilevante in cui è incorso l’iter del progetto di fusione indicato dalla legge, certamente dovuto non solo agli appuntamenti elettorali del 2019 o alle note vicende legate all’emergenza sanitaria; si fa in realtà un limpido riferimento alla palese lentezza riscontrata sia sotto l’aspetto dell’associazione delle funzioni comunali e in particolare dei servizi essenziali, sia riguardo al determinismo decisionale che è indiscutibilmente propedeutico alla predisposizione delle misure e dei regolamenti utili e necessari al processo di integrazione. Il presidente dell’assemblea civica pescarese ha dunque inteso evidenziare come sia giunto il momento delle decisioni chiare e tempestive, senza le quali la prospettiva di nomina di un commissario ad acta diverrebbe inevitabile.

In allegato la lettera firmata in data odierna dal presidente del Consiglio comunale di Pescara, Marcello Antonelli:
NUOVA PESCARA Lettera del Presidente Antonelli

 

Oggetto: Legge Regionale Abruzzo 26/2018: adempimenti – riscontro

Egr. Presidente Antonelli,

inaspettatamente e incomprensibilmente nella giornata di ieri abbiamo ricevuto la sua missiva avente ad oggetto: Legge Regionale Abruzzo 26/2018: adempimenti. Il nostro stupore deriva principalmente da 2 assunti

– il 4 agosto scorso, come da lei ricordato, l’organo Progetto di Fusione si è riunito al Comune di Pescara per riprendere il discorso sospeso a causa dell’emergenza sanitaria e ha deciso di convocare una seduta dell’assemblea costitutiva per il 7 settembre. Caro Presidente, perché non ha espresso in quella sede – certamente più opportuna e adatta – le perplessità rimarcate e diffuse soltanto ieri? Da quella riunione è forse cambiato qualcosa che a noi sfugge?

– nella lettera lei scrive di mancanze da parte delle amministrazioni comunali di Montesilvano e Spoltore. Ebbene, sottolineando il fatto che nemmeno queste sono state evidenziate durante la riunione di cui sopra, ci preme rimarcare che, nonostante la nostra totale contrarietà al processo di fusione, nessuno si è mai sottratto ai propri obblighi. E, quando convocati, nessuno ha fatto mancare la propria presenza nonché il proprio contributo. Stessa cosa dicasi della Commissione Statuto che, responsabilmente presieduta dal Dott. Enzo Fidanza, ha sempre lavorato fino a quando l’emergenza lo ha permesso.

Alla luce di questi elementi e dato il momento storico che stiamo attraversando, riteniamo il suo intervento pubblico intempestivo e inopportuno. Piuttosto che paventare l’avvio di un commissariamento, occupati come siamo a far ripartire le scuole e a non far chiudere le aziende, sarebbe stato più sensato richiedere coralmente una immediata proroga al progetto di fusione.

È vero che l’art. 9 della L.R. 26/18 lo prevede, ma siamo certi che dato l’attuale contesto anche il Consiglio Regionale ritiene quella del commissariamento una strada improponibile. Nessuno, in questo momento, sente il bisogno di accelerare un processo che per la sua complessità richiede tempi più lunghi e riflessioni più accurate.

La discriminante di un percorso così delicato non può essere la velocità nel concluderlo. Oggi più che mai.

Caro Presidente, se è vero che questo processo di fusione coinvolge alla pari tre comuni, bisogna procedere nel rispetto di tutti, territori e amministratori, senza fughe in avanti o strategie personalistiche.

F.to F.to

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Ernesto De Vincentiis

IL SINDACO DI MONTESILVANO  Ottavio De Martinis

 

 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Chieti, al via un tavolo per ammodernare il servizio trasporto pubblico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *