Pescara, Guardia di Finanza sequestra centinaia di capi falsi +++ VIDEO +++

Centinaia di capi e accessori contraffatti, copie false di noti brand della moda, accuratamente stoccati in casa prima di essere commercializzati abusivamente. E’ quanto scoperto dalla Guardia di Finanza di Pescara, che ha denunciato un disoccupato senegalese, con precedenti penali specifici, per contraffazione e ricettazione.

Durante una perquisizione nell’ambito del piano d’azione “Stop Fake”, i finanzieri hanno trovato nell’abitazione dell’uomo una sorta di piattaforma logistica del fake con deposito di articoli d’abbigliamento di scarsa qualità e privi di etichettatura regolare, che serve a certificare l’azienda produttrice autorizzata dalla casa madre a detenere i diritti di tutela dei marchi riprodotti. Scatoloni pieni di borse e vestiti dalla manifattura e composizione materiale altamente scadenti dunque, oltreché’ sprovvisti dell’indicazione del prezzo di vendita, perché presumibilmente destinati a una contrattazione verbale, tipica dello smercio su strada. I militari hanno provveduto al loro sequestro e ritiro dal mercato. Anche in questo caso, i prodotti del settore d’abbigliamento dei grandi marchi di lusso, specie quelli Made in Italy, risultano tra le principali categorie di articoli prodotti dalla filiera del tarocco, gestita dai contraffattori dell’alta moda per conseguire illeciti vantaggi economici a scapito dei consumatori.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sanità, gli operatori del 118 all’aeroporto di Pescara

Gli operatori del 118 di Chieti dal 1° febbraio gestiscono il Primo Soccorso Aeroportuale all’Aeroporto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *