Pescara, parcheggiatori abusivi nell’area di risulta arrestati per tentata estorsione

Sorpresi a pretendere soldi in cambio di un posto per il parcheggio, occupato abusivamente, ma poi individuati e arrestati per tentata estorsione dagli agenti della Squadra Volante. Protagonisti dell’episodio due romeni, di 32 e 34 anni, che nella giornata del primo maggio si sono improvvisati parcheggiatori abusivi, assumendo, in più occasioni, atteggiamenti minacciosi nei confronti degli automobilisti. Nel pomeriggio di ieri è stato coinvolto, suo malgrado, un giovane che, nel tentativo di parcheggiare nei pressi dell’area di risulta, è stato avvicinato dai due che pretendevano dalla stesso denaro per ottenere il posto libero presidiato abusivamente. Al rifiuto del giovane, i parcheggiatori abusivi, avvicinandosi con fare intimidatorio, lo hanno minacciato e successivamente uno dei due ha colpito con un pugno la vettura. Gli agenti prontamente intervenuti hanno provveduto immediatamente a bloccare i due uomini. Alla richiesta di fornire i documenti di identità per la necessaria identificazione, le due persone controllate hanno assunto un atteggiamento insofferente e dopo l’identificazione in Questura si è proceduto all’arresto di entrambi per tentata estorsione ai danni dell’automobilista.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Tassi usurai fino al 450 per cento, due condanne in Appello a L’Aquila

 Tre anni di reclusione per un 55 enne e due anni per un 46enne, entrambi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *