Portata d’acqua in calo del 20%, il Ruzzo potenzia la rete per l’estate

La presidente del Cda di Ruzzo Reti, Alessia Cognitti è preoccupata per il calo del 50% delle precipitazioni nevose, rispetto agli inverni passati. “Le sorgenti abruzzesi hanno una portata del 20% in meno rispetto ai 5 anni precedenti – specifica Cognitti – Ogni persona consuma quotidianamente una media di 220 litri di acqua, di cui solo 2 per uso potabile. Il resto per altri usi: domestico, igiene, irrigazione e altro. Ruzzo Reti si prepara alla prossima stagione estiva, sulla scia di un percorso avviato, in tre ambiti strategici: ricerca delle perdite, implementazione e innovazione delle reti e qualificazione del personale. Inoltre, dando seguito all’indirizzo di “soccorso idrico” dell’Ersi (Ente Regionale Servizio Idrico) e della Regione Abruzzo, è stato avviato il potenziamento dell’impianto Potabilizzatore dell’acqua di Montorio al Vomano per allargare il servizio di distribuzione anche a Chieti e Pescara. Entro due anni diventerà il primo impianto idrico interprovinciale. La Regione Abruzzo ha destinato un fondo di 55 milioni per potenziare l’impianto. Il controllo sulla rete idrica per il contenimento delle perdite rimane una pratica primaria per combattere la carenza d’acqua. Ruzzo, da tre anni, utilizza una tecnologia satellitare israeliana che individua dall’alto i punti umidi indicativi di perdita grande o piccola. Grazie a questi interventi di alta precisione la dispersione dell’acquedotto si attesta intorno al 25%, a fronte di una dispersione media nazionale superiore al 40%.  Accanto agli interventi tecnici, realizzati grazie all’aggiornamento del personale, l’azienda punta sulla cultura dell’uso dell’acqua nelle scuole della provincia. I bambini sono gli ambasciatori nelle famiglie del rispetto dell’ambiente” conclude Cognitti.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Muratore ferito durante i lavori al tribunale di Sulmona

Un muratore al lavoro nel tribunale di Sulmona è rimasto ferito da un armadietto che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *