Porto di Ortona, sul dragaggio il Comune va al Consiglio di Stato

L’amministrazione comunale di Ortona “dopo un incontro con i propri consulenti legali ha deciso di costituirsi al Consiglio di Stato come parte in causa al fine di tutelare l’interesse pubblico. La decisione e’ maturata dopo aver appreso della rinuncia dell’ultimo verificatore nominato dal Consiglio di Stato a fine settembre. Quest’ultimo e’ il terzo tecnico nominato dai giudici amministrativi per valutare alcune questioni specifiche inerenti il contenzioso che si e’ aperto dopo l’aggiudicazione dell’ appalto per i lavori di dragaggio”. Lo annuncia il Comune in una nota. “La citta’ non puo’ piu’ attendere le indecisioni e vedersi sfumare cosi’ un’occasione quasi unica di migliorare le infrastrutture portuali – dice il sindaco di Ortona, Leo Castiglione – a questo punto abbiamo la necessita’ di far presente le nostre istanze davanti ai giudici del Consiglio di Stato”. La relazione del primo verificatore, si spiega nella nota, non era stata ritenuta esaustiva per cui i giudici avevano nominato il direttore del dipartimento Scienze Geologiche dell’Universita’ Roma Tre che pero’ ha rinunciato all’incarico per cui si e’ pervenuti all’ultima nomina al direttore del dipartimento di Scienza della terra dell’Universita’ degli Studi di Milano, “ma notizia di ieri anche quest’ultimo ha rinunciato”. “Dopo questi fatti e visto il protrarsi dei tempi per il giudizio sul contenzioso che di fatto blocca un’opera determinante per lo sviluppo economico, non solo del porto di Ortona ma di tutto il territorio regionale – scrive l’ amministrazione comunale – si e’ presa la decisione di costituirsi in giudizio per rappresentare la necessita’ urgente dell’inizio dei lavori anche in vista della scadenza della rendicontazione dei fondi europei di 9 milione di euro previsti per le opere di dragaggio”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Sostanze tossiche per gli animali sequestrate ad Ortona

Nei giorni scorsi, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Ortona, su segnalazione di un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *