Scoperta frode sui fondi europei nel Teramano

La Guardia di Finanza di Giulianova ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Gip presso il Tribunale di Teramo su richiesta della Procura Europea, nei confronti di una società tortoretana per aver percepito la somma di circa 73.000 euro quale profitto del reato di malversazione di erogazioni pubbliche, previsto e punito dall’art. 316-bis del codice penale. e fiamme gialle della Compagnia di Giulianova, su delega del Procuratore Europeo delegato, hanno sottoposto a sequestro il profitto del reato congelando la somma equivalente presente sui conti correnti in uso alla società, così come disposto dal Gip.

All’esito delle attività di indagine – dirette dagli uffici Eppo di Roma e condotte dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Giulianova, sul conto della società, ora in liquidazione – è stato accertato che il rappresentante legale e l’amministratore di fatto che si occupava dell’organizzazione di grandi eventi, hanno distratto oltre 72.900 euro ottenuti grazie all’aggiudicazione di fondi rientranti nel Fesr (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale), ed in particolare nel programma Por-Fesr Abruzzo 2014/2020.

Dall’analisi delle movimentazioni finanziarie della società tortoretana, è stato riscontrato che i fondi, ottenuti a seguito della presentazione di un progetto finalizzato all’ampliamento dell’attività di produzione, sarebbero stati invece utilizzati per la sola prosecuzione aziendale che, tra l’altro, prevedeva anche il pagamento di prestazioni ricevute da società riconducibili alla stessa famiglia degli amministratori. Le indagini hanno permesso di arginare il flusso dei contributi europei, nazionali e regionali verso la società.  Infatti, l’assegnazione dei fondi prevista ammontava complessivamente a 198.826,33 euro ma già a seguito dell’impiego del primo acconto sono state intercettate e segnalate le irregolarità. Alla luce degli elementi acquisiti nel corso del procedimento penale, sono stati deferiti alla Procura Europea il rappresentante legale e l’amministratore di fatto della società per il reato di malversazione di erogazioni pubbliche. L

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ridotta in appello la condanna all’ex assessore regionale De Fanis

La Corte d’Appello a L’Aquila ha ridotto la pena a 4 anni 3 mesi e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *