Serra di marijuana in ex opificio a Sulmona, arrestato 32enne

Un musicista è stato arrestato a Sulmona con l’accusa di detenzione di stupefacenti. Durante un pattugliamento lungo una via periferica della città, i militari hanno deciso di controllare un ex opificio sottoposto alla procedura fallimentare, il cui portone risultava aperto. Al suo interno c’erano due uomini, uno di loro è risultato l’affittuario e l’utilizzatore di alcune stanze dell’immobile attrezzate come ”sala musica”, cedute in locazione dalla curatela fallimentare. A seguito di un rapido controllo i carabinieri hanno percepito l’odore tipico delle piante di marijuana. Da qui l’immediata perquisizione di entrambi i presenti e di tutti i locali risultati nella disponibilità dell’affittuario 32enne.

L’uomo che era in compagnia di quest’ultimo, trovato in possesso di una modica quantità di marijuana, è stato segnalato alla Prefettura dell’Aquila. Il giovane che ha affittato i locali, invece, è stato trattenuto e sottoposto a una più approfondita perquisizione, poi estesa anche all’abitazione privata. All’esito dell’attività antidroga, in alcune stanze del vecchio opificio, non riconsiderate nel contratto di affitto, ma occupate arbitrariamente dal 32enne, sono state trovate vere e proprie serre, di piccole dimensioni, con tanto di umidificatori e aeratori, adibite alla coltivazione di cannabis. Al loro interno, le piantine ancora in fase di vegetazione. In tutto, i militari hanno avuto modo di sequestrare 10 piante di marijuana dell’altezza compresa tra i 20 e i 100 centimetri, nonché tutto quanto necessario per accudirle e concimarle. Ritrovati e sequestrati anche 84 grammo di ”erba” già essiccata e quasi 55 grammi di cocaina ripartita in singole dosi. Sequestrati anche un paio di grammi di hashish e la somma contante di circa 200 euro trovati nel corso della perquisizione domiciliare della persona fermata.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Lancia in aria il cane del titolare di b&b, denunciato

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Giulianova sono intervenuti in un b&b dove …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *