Stop alla fusione tra Camera di Commercio dell’Aquila e di Teramo

Il Tribunale amministrativo regionale (Tar) ha bloccato il percorso di fusione tra le Camere di Commercio dell’Aquila e Teramo accogliendo il ricorso presentati dai teramani nelle scorse settimane contro il progetto, peraltro fermo da tempo, previsto dalla riforma nazionale. I giudici amministrativi hanno concesso la sospensiva fino alla trattazione collegiale dell’istanza cautelare fissata nella Camera di consiglio dell’11 marzo prossimo. La Camera di Commercio teramana, guidata da Gloriano Lanciotti, aveva presentato il ricorso contro Regione Abruzzo, il ministero dello Sviluppo Economico, Unioncamere nazionale e l’Ente camerale aquilano opponendosi alla costituzione della Camera di commercio Gran Sasso d’Italia, tra le altre cose, per la differente condizioni dei due enti, quello aquilano ritenuto fermo nella sua attivita’, e quello teramano, attivo e virtuoso verso il proprio territorio. 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Scoperta frode sui fondi europei nel Teramano

La Guardia di Finanza di Giulianova ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *