Clima, pesci in fuga dall’equatore

da https://www.lanuovaecologia.it/clima-niente-piu-vita-marina-allequatore/

Secondo un recente studio è già troppo caldo ai tropici perché alcune specie sopravvivano. Per questo si stanno allontanando in massa

Le specie marine non possono vivere più all’equatore a causa del riscaldamento globale. Proprio per questo in un nuovo studio si è analizzato gli spostamenti dei pesci dall’equatore verso zone più fresche.

Lo studio

La ricerca ha analizzato circa 7 milioni di dati che coprono 48.661 specie, dai grandi mammiferi marini come le balene alle meduse e ai coralli. Il database inizia nel 1955. Le specie di nuoto libero sono diminuite all’equatore con l’aumento delle temperature. Anche questa fascia intorno all’equatore, dove la ricchezza delle specie stava diminuendo, si stava allargando. Scienziati dell’Università della Sunshine Coast, dell’Università di Auckland, dell’Università del Queensland e dell’agenzia scientifica australiana CSIRO, hanno collaborato alla ricerca. La ricerca, nella rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, afferma: “Il riscaldamento degli oceani sta quindi causando cambiamenti su larga scala nella distribuzione latitudinale globale della biodiversità marina. Nonostante il minor riscaldamento nell’oceano che sulla terra, le specie marine stanno spostando la loro distribuzione più velocemente o più velocemente in risposta al riscaldamento rispetto a quelle sulla terra

Il futuro del mare

Si sono analizzate quasi 50.000 specie marine tra il 1955 e il 2015 rilevando che un impatto previsto del riscaldamento globale, come le specie che si allontanano dall’equatore, può ora essere osservato su scala globale. Un ulteriore riscaldamento globale, che ora è inevitabile, ridurrebbe ulteriormente la ricchezza delle specie nell’oceano nelle regioni tropicali. Gli scienziati hanno affermato che le conseguenze del cambiamento potrebbero essere profonde e difficili da prevedere.

Effetti sulla pesca e sul turismo

Le reti alimentari marine potrebbero essere radicalmente alterate dal riscaldamento degli oceani, avvertono gli scienziati. Lo studio afferma che i dati “suggeriscono che è già troppo caldo [all’equatore] per la sopravvivenza di alcune specie”

Le specie attaccate al fondo dell’oceano non sono diminuite, ma la diversità delle specie che nuotano liberamente come i pesci è diminuita in modo significativo tra il 1965 e il 2010. Schoeman, coautore dello studio dell’Università della Sunshine Coast, ha affermato che il calo della ricchezza delle specie avrebbe probabilmente influenzato le comunità che facevano affidamento sull’oceano per il cibo nelle aree in cui trovavano pesci che non erano più lì. Queste specie non sono scomparse, sono uscite dai tropici. “Non si verifica solo un riscaldamento graduale, ma si sovrappongono anche ondate di calore marine che stanno diventando sempre più frequenti e più gravi. Sono in parte responsabili del rapido movimento delle specie tropicali “.

Anche le economie che facevano affidamento sui turisti in visita a luoghi per la loro biodiversità unica potrebbero essere colpite, ha affermato. Anche se lo studio non ha cercato di valutare se il riscaldamento stesse causando estinzioni, Schoeman ha detto che ciò non significa che le estinzioni non si stessero verificando. Certamente c’era il rischio di “estirpazione” dove anche specie comuni potevano essere spinte in zone più fresche.

Le reti alimentari marine potrebbero essere radicalmente alterate dal riscaldamento degli oceani, avvertono gli scienziati. Lo studio afferma che i dati “suggeriscono che è già troppo caldo [all’equatore] per la sopravvivenza di alcune specie”. L’oceano ha assorbito circa il 90% del riscaldamento globale dagli anni ’70, causato principalmente dalla combustione di combustibili fossili e dalla deforestazione. Schoeman ha detto che il tasso di riscaldamento è stato “piuttosto intenso e sta diventando sempre più intenso” e continuerà per decenni anche con tagli ambiziosi alle emissioni di gas serra.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

San Vito Chietino, un balcone sul mare e sui rapaci. Nasce l’osservatorio ornitologico

Alla presenza del sindaco di San Vito Chietino Emiliano Bozzelli, dell’assessore Gabriella Mancini e del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *