Alessandro Nicodemi è il nuovo presidente eletto dal cda del Consorzio tutela vini d’Abruzzo

Alessandro Nicodemi è il nuovo presidente eletto dal cda del Consorzio tutela vini d’Abruzzo, di cui era vicepresidente da sei anni. Classe 1972, Nicodemi lavora nella storica azienda di famiglia, Fattoria Bruno Nicodemi, ed è stato presidente per 15 anni del Consorzio Tutela vini Colline Teramane e nel 2011 è stato insignito “Benemerito della vitivinicoltura italiana”. Ricopre anche l’incarico di rappresentante regionale in seno alla Federazione nazionale prodotto vitivinicoltura di Confagricoltura. Lo ha riferito in una nota lo stesso Consorzio, spiegando che “per la prima volta sarà dunque un produttore privato e non un esponente della cooperazione regionale a guidare il Consorzio, un cambio epocale che ha l’obiettivo di portare avanti i tanti progetti iniziati negli ultimi anni che sono riusciti ad accendere i riflettori sulla viticoltura abruzzese e ad affermare l’intero territorio come protagonista della viticoltura nazionale oltre che come tassello imprescindibile dell’economia agroalimentare abruzzese”.

Affiancheranno il presidente Nicodemi (Nicodemi), con la carica di vicepresidente, Pino Candeloro (Sincarpa) e Franco D’Eusanio (Chiusa Grande) e gli altri membri del CDA che sono Giulia Cataldi Madonna (Cataldi Madonna), Rocco Cipollone (Masciarelli), Franco D’Eusanio (Chiusa Grande), Dino D’Ercole (San Nicola), Carlo Di Campli Finore (Vin.co), Nicola Dragani (Madonna dei Miracoli) Paolo Ulpiani (Zaccagnini), Luciano Di Labio (Villamagna), Pino Canderolo (Sincarpa), Chiara Ciavolich (Chiara Ciavolich), Fausto Cimini (Paglieta), Vincenzo Bucci (Olearia Vinicola Villese), Miki Antonucci (Progresso Agricolo) e Gennaro Matarazzo (Roxan). Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è stato istituito nel 2002 con Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (MiPAF) per svolgere funzioni di tutela, valorizzazione delle denominazioni delle doc Montepulciano d’Abruzzo, Trebbiano d’Abruzzo, Cerasuolo d’Abruzzo, Abruzzo e Villamagna e delle igt Colline Pescaresi, Colline Teatine, Colline Frentane, Colli del Sangro, Del Vastese o Histonium, Terre di Chieti, Terre Aquilane o Terre de L’Aquila, raccoglie attualmente oltre 210 cantine socie.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Superbonus, 2,4 milioni aderiranno alla nuova aliquota al 90 per cento

Sono 2,4 milioni le famiglie che, secondo le attese di Nomisma, aderiranno nel 2023 alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *