Cassa integrazione alla Stellantis di Atessa

Terza ondata di cassa integrazione nello stabilimento Stellantis Europe Atessa annunciata dalla direzione aziendale alle organizzazioni sindacali nel corso di una riunione per un esame congiunto sulla situazione, richiesta da Fim e Uilm, per il perdurare del calo della richiesta dei veicoli cabinati. Stellantis ha così annunciato ulteriori due settimane di cassa integrazione per il periodo dall’8 al 21 luglio prossimi e che interesserà un massimo di 800 dipendenti (770 operai e 30 impiegati). Il reparto ckd di lastratura non sarà coinvolto nel periodo di cassa integrazione. Fim-Uilm-Fismic-Uglm-Aqcf annunciano che: “Nei prossimi giorni verrà indetta l’assemblea per informare le lavoratrici e i lavoratori”.

Il segretario generale della Fiom provinciale di Chieti, Alfredo Fegatelli, precisa: “L’azienda ha confermato che la causa è il calo della domanda di furgoni cabinati destinati alla camperistica e di furgoni a passo corto. Come Fiom siamo preoccupati perché riteniamo che non possa essere solo un problema di mercato”. Ad Atessa è iniziato il primo stop per due settimane che riguarda 400 lavoratori, altre due settimane di cassa integrazione ci saranno dal 24 giugno al 7 luglio e interesseranno un numero massimo di 570 operai e 30 impiegati.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ammodernamento dei frantoi oleari, cinque milioni dalla Regione Abruzzo

Sono 51 i progetti per l’ammodernamento dei frantoi oleari che verranno finanziati dalla Regione Abruzzo, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *