Incentivi auto rallentano il calo delle vendite che scendono del 15,1%

Gli incentivi auto hanno avuto un effetto immediato sul mercato sul quale continuano a pesare gli effetti della pandemia, la crisi nelle forniture di microchip, le difficolta’ dell’economia e i rischi connessi alla guerra in Ucraina. A maggio sono state immatricolate 121.299 vetture, il 15,1% in meno dello stesso mese del 2021, il calo piu’ modesto da inizio anno. Il totale dei cinque mesi sale a 556.974, con una flessione del 24,26% rispetto all’analogo periodo dell’anno scorso, pari a una perdita di oltre 178.000 auto. Come subito e’ apparso evidente, gli incentivi piu’ utilizzati sono stati quelli per le auto con alimentazione tradizionale ed emissioni contenute, meno per le vetture alla spina: gia’ il primo giorno di apertura della piattaforma, che accoglie le prenotazioni dei concessionari per usufruire degli incentivi, il fondo di 170 milioni per le auto con emissioni fino a 135 grammi risultava dimezzato, dopo 6 giorni restano solo 34 milioni. E’ stato speso invece solo il 14% dei 220 milioni stanziati per le vetture elettriche. Il Centro Studi Promotor stima che, grazie agli incentivi, in tutto l’anno si venderanno 200.000 auto in piu’ e che l’intero 2022 si chiuda con 1.336.682 autovetture immatricolate.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Immobiliare, il 56 per cento degli italiani vuole case di classe A

La Direttiva europea sulle abitazioni green trova apprezzamenti tra i potenziali compratori secondo l’indagine commissionata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *