Le associazioni di categoria chiedono più fondi per le imprese

 “Di fronte all’enorme richiesta di finanziamenti per gli investimenti avanzata da circa 750 imprese alla Regione Abruzzo in base ‘all’avviso 3.1.1. del Por Fesr’ non possiamo che sostenere la volonta’ dell’assessore Mauro Febbo di incrementare significativamente la dotazione finanziaria messa a disposizione”. Lo affermano sedici sigle del mondo dell’impresa e dei sindacati dei lavoratori abruzzesi (Agci, Casartigiani, Cia, Claai, Cna, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confcooperative, Confesercenti, Confindustria, Legacoop, Cgil, Cisl, Uil, Ugl) in relazione alle dichiarazioni rilasciate dal titolare delle Attivita’ produttive della Giunta Marsilio sul boom di richieste pervenute alla Regione. Il bando in questione, ricordano le 16 sigle, e’ riservato a micro, piccole e medie imprese che intendono realizzare spese di investimento per ripartire dopo l’emergenza Covid. “Un’opportunita’ colta al volo, che si e’ tradotta in una sorta di ‘assalto alla diligenza’, ovvero al sito della Regione, che gia’ il primo giorno di apertura dei termini per l’invio delle richieste – il 2 luglio scorso – si e’ trovato a fronteggiare un valanga di richieste: ben 112 per piu’ di 8 milioni di euro. Afflusso peraltro replicato nei giorni successivi, fino alla scadenza dei termini dell’11 luglio, da altre centinaia di richieste: fino a toccare quota 750”, scrivono le associazioni, che parlano di “una cifra enorme, per un totale di ben 51 milioni di euro, in grado di raddoppiare il suo effetto positivo calcolando l’ammontare degli investimenti che genererebbe”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Dpcm, Coldiretti: effetto negativo a cascata sull’agroalimentare regionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *