Rincari, cresce il costo dei gelati del 25%

 Alla vigilia dell’estate e del caldo, come effetto dei rincari delle materie prime e dell’energia c’e’ anche l’aumento del costo dei gelati. Mentre le gelaterie, in particolare quelle stagionali, sono alle prese con i preparativi per la riapertura, coni e coppette anche in Abruzzo subiscono aumenti fino al +25% ed arriveranno mediamente a 2,5 euro nella versione base. Gli operatori, in attesa del periodo clou, sostengono comunque che non vi sia una contrazione dei consumi. “A Pescara siamo tra i pochi, se non gli unici, con il cono piccolo ancora a 2,30 euro – spiega Elvan Di Blasio, titolare della gelateria ‘A modo mio’, che ha tre punti vendita nel pescarese e uno a Milano – Fino a gennario eravamo fermi a 2 euro, ma poi siamo stati costretti ad aumentare. E’ aumentato il costo dell’energie e, anche se se ne parla meno, e’ aumentato il costo dell’acqua, che serve per raffreddare i motori delle macchine. E’ aumentato anche tutto cio’ che riguarda il mondo del packaging: basti pensare che i sottoconi sono passati da 2 a 6 centesimi. Da non sottovalutare, poi, un altro problema: il nostro listino e’ fisso, ma i prezzi delle materie prime variano in continuazione. Speriamo che non ci siano ulteriori sorprese. Un prezzo dignitoso, se dovessimo seguire il trend degli aumenti – aggiunge Di Blasio – sarebbe di tre o quattro euro, ma abbiamo comunque voluto evitare un aumento tanto drastico. Al momento stiamo lavorando bene, ma con orari molto ridotti. E’ come se qualcosa fosse cambiato nelle abitudini, sembra non ci sia piu’ quella frenesia di uscire”. “Abbiamo dovuto apportare aumenti dal 10 al 20%. Il cono piccolo e’ passato da 2 a 2,5 euro – afferma Enrico Zazzini, titolare del bar gelateria ‘dolceAmaro’, sul corso principale di Lanciano”.

“La nostra attivita’ e’ stagionale e ci stiamo muovendo per riaprire – dicono dalla storica gelateria Cicco di Francavilla al Mare  – Ci stiamo guardando attorno, abbiamo ripreso i contatti con i fornitori ed abbiamo avuto la conferma che e’ aumentato tutto. Non solo le materie prime, di cui non si puo’ fare a meno, ma anche tutto il resto, come, ad esempio, i materiali per il confezionamento, le coppette o i cucchiaini. A tutto questo si aggiungono i costi dell’energia, ormai alle stelle. Un altro problema riguarda il personale: si fa fatica a trovare dipendenti.”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Coldiretti-Unaprol, perso un terzo dell’olio italiano

Con il crollo della produzione nazionale di olive (-37%) gli italiani devono dire addio ad …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *