Studio Cna, perdite medie del 27,2% del fatturato per l’80,8% delle imprese

Perdite medie del 27,2% del fatturato per l’80,8% delle imprese con volumi fino 5 milioni di euro. E’ l’esito dell’analisi condotta su un campione di 12mila imprese (tra cui anche centinaia di aziende abruzzesi) dalla Cna nazionale al termine del 2020. Manifatturiero e servizi sono “in cima alla lista dei danneggiati, e il solo comparto delle costruzioni e’ capace di opporre una certa resistenza, grazie alla spinta arrivata dal ‘superbonus 110%’ e il suo corredo di interventi avviati anche in Abruzzo per consolidamento antisismico e riqualificazione energetica”. Per il settore manifatturiero, si legge in una nota della Cna Abruzzo, se il 78,1% delle imprese dichiara di aver subito una riduzione media del 26,2%, vi sono aree in cui la quota supera gli ottanta punti: abbigliamento, tessile e pelletteria (l’85,8% ha perso in media il 31,7% del fatturato), gioielleria (l’88,1% ha perso il 32,6%). La filiera prodotti per il tempo libero, che annovera articoli sportivi, giochi, strumenti musicali, ha perso sul campo, nell’85,7% del campione, il 33,4%. Appena meno pesante la situazione per l’81,3% delle imprese della meccanica: perso il 24,4%. Riduzioni meno estese hanno patito alimentari (il 62% delle imprese ha registrato calo fatturato del 23%) e serramenti: il 65,3% ha accusato una riduzione del volume d’affari del 23,5%. Sono stati i servizi a pagare dazio piu’ alto: l’86,4% delle imprese ha perso in media il 28,4% del fatturato. Si va dalla dimensione pressoche’ totale patita dall’area del benessere della persona (94% di parrucchieri ed estetica) alle tinto-lavanderie (92,4%) al trasporto persone (98,7%), e poi logistica (99,7%), ristorazione (92,5%), alloggio (90,9%), attivita’ legate al tempo libero (88,5%) e intrattenimento (91,1%). In termini assoluti a patire maggiormente sono state le attivita’ legate al turismo: trasporto persone, alloggio e ristorazione hanno perso da un terzo a piu’ del 60% del fatturato. Perdite massicce anche per marketing, ricerche di mercato, sondaggi.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Lavoro, Amazon annuncia 3mila assunzioni in Italia entro la fine del 2022

Amazon assumerà 3.000 persone a tempo indeterminato in Italia entro la fine dell’anno, portando la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.