AutoScout24: Nel 2022 in Abruzzo aumenta il parco circolante di vetture ibride ed elettriche (+47%)

Mobilità del futuro green? Nel 2022 in Abruzzo aumenta il parco circolante di vetture ibride ed elettriche (+47%), ma rappresentano solo il 2,7% sul totale.

Sono oltre 501mila le vetture obsolete in circolazione (quasi sei su dieci sono Euro 4 o inferiore), di cui oltre 103mila Euro 0-1 (11,5%).

L’età media? Oltre quattro auto su dieci (ca 395.500) hanno 15 anni o più

Dal mercato digitale una spinta per favorire il percorso di “svecchiamento”.

Secondo i dati elaborati dal Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI, nel 2022 la provincia di Pescara è prima per valore percentuale di auto ibride ed elettriche sul totale in circolazione, mentre la più dinamica per crescita è Teramo. Il tasso più alto di vetture datate si registra a L’Aquila

 Quando si parla di mobilità del futuro, sono tutti concordi: le nuove generazioni la sognano sostenibile, elettrica e digitale. Ma se da un lato si prospetta un futuro “green”, dall’altro bisogna scontrarsi con la fotografia attuale (a due velocità) del parco auto circolante, come dimostra l’analisi del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI, realizzata in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente. Nel 2022 le auto ibride ed elettriche in circolazione in Abruzzo hanno raggiunto 24.069 vetture (+47% sul 2021), ma rispetto al totale rappresentano solo il 2,7%, con le elettriche che si fermano allo 0,2%. Dati quindi in crescita ma non ancora sufficienti per un rinnovo radicale del parco auto esistente, storicamente datato e obsoleto: sempre nel 2022 sono 501.190 le vetture in circolazione con una classe di emissioni Euro 4 o inferiore (55,5% sul totale), di cui ben 103.581 addirittura Euro 0-1 (11,5%). Anche considerando l’età media, oltre quattro auto su dieci, pari a 395.470 vetture, hanno 15 anni o più.

Ed è proprio questa la vera sfida che il mondo automotive dovrà vincere. Il 2035, con il blocco della produzione di auto nuove termiche alimentate a benzina e diesel a favore dell’elettrico e degli e-fuel, segna una data storica, ma fino ad allora bisognerà investire in infrastrutture e tecnologia per fare in modo che gli italiani superino la forte diffidenza soprattutto verso il mondo delle full electric, penalizzato dalla scarsa autonomia delle batterie (per il 35% del campione) e dal costo elevato (33%).

Cosa accadrebbe, infatti, se il 2035 fosse fra sei mesi? Secondo gli ultimi dati AutoScout241 sarebbe una corsa per accaparrarsi modelli benzina e diesel di ultima generazione, nuovi o usati recentissimi, così gli automobilisti potranno continuare a utilizzare questo tipo di alimentazioni.

Per favorire la sostituzione di un’auto datata il fattore economico resta comunque un aspetto importante per gli automobilisti, ma oltre agli incentivi un aiuto arriva proprio dal mondo digitale: grazie all’ampia disponibilità non solo di auto nuove ma anche usate ibride, elettriche, benzina e diesel di nuova generazione, i consumatori possono acquistare vetture di qualità a prezzi più “contenuti”, contribuendo significativamente al processo di “svecchiamento” del parco auto circolante. Su AutoScout24, infatti, ben il 54% delle auto presenti è Euro 6, il 13% ibrido ed elettrico e quasi sei auto su dieci hanno 5 anni o meno.

Qual è la fotografia a livello regionale?

Partiamo dalle auto ibride ed elettriche. Le elettriche “pure” nella regione rappresentano la quota minoritaria (0,2%) e anche se si considerano le ibride ed elettriche insieme, la media non supera il 2,7% del totale. In particolare, a Pescara si registra il tasso più alto di ibride ed elettriche tra le province (3,2%) rispetto al totale delle auto in circolazione. Seguono Teramo (2,7%), L’Aquila e Chieti (2,4%).

La provincia che ha visto nel 2022 la crescita maggiore di auto ibride ed elettriche rispetto al 2021 è Teramo (+52%).

E se guardiamo alla classe di emissioni?

Il tasso più alto di vetture datate (Euro 4 o inferiore) si registra nella provincia di L’Aquila, con il 58,2% sul totale delle auto in circolazione. Seguono Chieti (56,4%), Teramo (54,4%) e Pescara (52,7%). Se si considerano solo le auto Euro 0 e 1, è Teramo la provincia con il valore percentuale più alto (12%), mentre dal punto di vista quantitativo al primo posto troviamo Chieti, dove circolano 30.030 Euro 0-1.

1 Fonte: Ricerca AutoScout24 sulla riforma del codice della strada, maggio 2023

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Enoturismo vale 2,9 miliardi di euro

Continua a crescere il valore dell’enoturismo in Italia che vale 2,9 miliardi di euro, contro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *