Export extra Ue +0,4% a gennaio, import -0,5%

A gennaio 2021 si stima, per l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue a 27, un aumento congiunturale per le esportazioni (+0,4%) e un calo per le importazioni (-0,5%). Lo riferisce Istat. Il lieve incremento su base mensile dell’export è dovuto all’aumento delle vendite di energia (+6,7%), di beni di consumo durevoli (+5,9%) e di beni intermedi (+3,0%). Risultano in calo le vendite di beni strumentali (-2,6%). Dal lato dell’import, tranne che per l’energia (+10,5%), si rilevano diminuzioni congiunturali diffuse, le più ampie per beni di consumo durevoli (-6,1%) e non durevoli (-3,9%).

Nel trimestre novembre 2020-gennaio 2021, prosegue Istat, rispetto ai tre mesi precedenti, l’export cresce dell’1,8%; l’aumento è particolarmente sostenuto per energia (+27,7%), mentre si registra un lieve calo per i beni strumentali (-0,7%). Nello stesso periodo, anche l’import registra un aumento congiunturale (+2,4%), determinato dalla dinamica di beni di consumo durevoli (+10,6%), beni strumentali (+10,5%) ed energia (+9,9%).A gennaio 2021, l’export è in deciso calo su base annua (-12,7%). La flessione è più ampia per energia (-26,2%), beni strumentali (-16,0%) e beni di consumo non durevoli (-14,7%). Solo le vendite di beni di consumo durevoli sono in aumento (+2,3%). L’import segna una flessione tendenziale ancora più marcata (-18,0%), con flessioni per tutti i raggruppamenti; le più marcate riguardano energia (-37,2%) e beni di consumo non durevoli (-24%).La stima del saldo commerciale a gennaio 2021 è pari a +1.707 milioni (+963 a gennaio 2020). Diminuisce l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (da +4.585 milioni per gennaio 2020 a +3.911 milioni per gennaio 2021)

A gennaio 2021 l’export verso Regno Unito (-38,3%), Stati Uniti (-20,6%), paesi OPEC (-17,4%) e Russia (-16,3%) è in forte calo su base annua. Aumentano le vendite verso Cina (+29,3%) e paesi Mercosur (+8,2%).Gli acquisti da Regno Unito (-70,3%), paesi OPEC (-29,6%) e Stati Uniti (-23,9%) registrano flessioni tendenziali molto più ampie della media delle importazioni dai paesi extra Ue27.”Dopo la battuta d’arresto di dicembre, a gennaio l’export verso i paesi extra Ue registra un contenuto incremento congiunturale cui contribuiscono principalmente (per 1,2 punti percentuali) le maggiori vendite di beni intermedi e beni di consumo durevoli”, commenta Istat. “Su base annua – aggiunge -, l’export torna a registrare un’ampia flessione (-12,7% da +4,1% di dicembre 2020), spiegata per 10 punti percentuali dalla contrazione delle vendite di beni strumentali e beni di consumo non durevoli. La flessione è particolarmente ampia verso Regno Unito e Stati Uniti; all’opposto, l’export verso la Cina è in forte crescita. L’import segna un calo congiunturale modesto, mentre si accentua notevolmente la flessione tendenziale (-18,0% da -3,2% di dicembre dello scorso anno), per effetto soprattutto della contrazione degli acquisti di energia e beni di consumo non durevoli. In drastico calo, rispetto a gennaio dello scorso anno, le importazioni dal Regno Unito, su cui pesano anche gli effetti dell’interruzione della libera circolazione delle merci”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Legambiente, ogni cento metri lineari di spiaggia c’e’ una media di 783 rifiuti

Ogni cento metri lineari di spiaggia c’e’ una media di 783 rifiuti; di questi la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *