I rincari della spesa alimentare costeranno alle famiglie italiane 650 euro

I rincari della spesa alimentare costeranno alle famiglie italiane 650 euro in più per imbandire la tavola durante l’anno a causa dell’impatto dei costi energetici sulla filiera agroalimentare. E’ quanto stima la Coldiretti sulla base dei dati Istat sull’inflazione a settembre. In cima alla classifica dei rincari con un 60,5%, stima la Coldiretti, ci sono gli oli di semi, soprattutto quello di girasole, seguono burro (+38,1%), margarina (+26,5%), riso (+26,4%), spinto anche dal crollo della produzione nazionale a causa della siccità, latte uht (+24,5%), farina (+24,2%) e pasta (+21,6%); questo mentre nelle campagne il prezzo del grano non copre i costi di produzione degli agricoltori. Salgono anche i vegetali freschi del 16,7% e la frutta del 7,9% con effetti negativi sui consumi.

A causa dei rincari il 51% degli italiani taglia la spesa nel carrello secondo l’indagine condotta sul sito, dalla quale si evidenzia che il 18% ha ridotto la qualità degli acquisti, costretto ad orientarsi verso prodotti low cost, mentre il 31% non ha modificato le abitudini di spesa. Gli italiani, sottolinea ancora la Coldiretti, vanno a caccia dei prezzi più bassi anche facendo lo slalom nel punto vendita, cambiando negozio, supermercato o discount alla ricerca di promozioni. Accanto alla formula tradizionale del 3ž2 e ai punti a premio, si sono differenziate le proposte delle diverse catene per renderle meno confrontabili tra loro e più appetibili.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Tregua fiscale, pronte le istruzioni per l’Agenzia delle Entrate

Pronte le istruzioni per i contribuenti che intendono beneficiare delle misure di tregua fiscale previste dall’ultima legge …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *