Il bilocale è l’unica tipologia immobiliare che segna un aumento nel 2021

La pandemia e i lockdown non hanno frenato la voglia di casa degli italiani che, complice una liquidità diffusa, redditività dell’investimento e nuove esigenze abitative delle famiglie è tornata a livelli pre-Covid. Le quotazioni del mattone tricolore sono, invece, ancora fredde con flebile incremento dello 0,4% anno su anno secondo l’Ufficio Studi di Idealista mentre, ad esclusione di alcune grandi città come Milano, i prezzi sono in negativo nel raffronto annuo (rispetto al secondo trimestre 2020) a dimostrazione con una dinamica dei valori che varia a seconda delle tipologie abitative e delle zone geografiche del paese. I bilocali sono l’unica tipologia immobiliare con prezzi aumento, cresciuti del 7,7% su base annua. Tutte le altre categorie segnano dei cali, molto contenuti nel caso dei monolocali (-0,1%) e delle 2 stanze (-0,3%), più sensibili al crescere delle metrature.

I monolocali registrano oscillazioni che vanno dagli incrementi del 20,4% in provincia di Milano al -27,9% in provincia di Taranto. Tra i capoluoghi, le maggiori rivalutazioni dei monolocali si sono determinate alla Spezia (23,7%), Bolzano (21%) e Ragusa (20,2%); mentre i cali maggiori si concentrano ancora una volta a Taranto (-38,8%), Asti (-31,7%) e Verona (-28,8%).

Il mercato dei bilocali è il segmento più volatile, quello con le oscillazioni più ampie tra variazioni positive e quelle negative. La più alta riguarda la provincia di Brescia con il 49,6%, seguito dagli aumenti di Pesaro Urbino (45,6%), quindi Bergamo (27,2%). A Frosinone, invece, il prezzo è sceso del 24,1%, seguito da Terni (-24%) e Salerno (23,9%). L’aumento più elevato tra i capoluoghi di provincia è stato a Verona (39,3%), Bari (37,8%) e Imperia (30,1%). I cali maggiori sono stati quelli registrati a Messina (-27%), seguita da Alessandria (-24,5%) e Novara (-21,9%) e Lecco (21,3%). Lucca è la provincia con il più alto tasso di crescita dei prezzi per quanto riguarda le abitazioni con 2 stanze: 12,4%. Seguono Milano (11,8%) e Bologna (10,8%). Le province che registrano prezzi in maggiore contrazione rispetto a un anno fa sono Latina (-21,1%), seguita da L’Aquila (-18,9%), Fermo (15,7%) e Gorizia (14,2%). Tra i capoluoghi, Mantova ha registrato un aumento del 15,8%, seguita da Teramo (14,7%) e Gorizia (14,3%). A livello di capoluoghi sono sempre L’Aquila (-30,8%) e Latina (-24,6%) a spiccare per i cali maggiori accusati da questa tipologia abitativa. La provincia di Lucca ha registrato l’incremento più rilevante anche per la tipologia di appartamenti con 3 stanze: 11,1%. Seguono Enna (10,2%), Savona (8,2%) e Bologna (7,9%). Sul versante opposto si trovano le province di Vercelli (-14,6%), Latina (-13,4%), Lecco (-11,2%), Oristano (-10,7%) e Sondrio (-10,1%). Tra i capoluoghi, il maggior rialzo c’è stato a Vicenza (13,8%), Mantova (12,9%) e Modena (10,7%), mentre Latina guida la tendenza ribassista segnando un -17,4% rispetto ai valori dello scorso anno. Seguono i cali di a due cifre di Pordenone (-11,7%), Cuneo (-11,1%), Pavia (-11%) e Varese (-10,2%). Gli appartamenti più grandi, quelli con 4 o più stanze, hanno avuto il loro maggior incremento nella provincia di Aosta (8,4%), Lucca (7,7%) e Pordenone (7,2%); mentre i cali maggiori spettano a Lecco (-16,8%), Lodi (-12,6%), Varese (-10,6%) e Matera (-10%). Tra i capoluoghi, il rialzo maggiore è quello registrato a Cremona (15,4%), seguita da Como (13,7%), Pordenone (11,6%) e Udine (11,3%) tutti con aumenti a doppia cifra. Chiudono il ranking con i cali maggiori Napoli (-14,1%), Varese (-9,8%), Palermo (-8%) e Catania (-7,6%).

Le abitazioni con 3 stanze segnano un meno 1%, gli appartamenti con 4 o più stanze calano del 2,3%, mentre le ville indipendenti o semi-indipendenti toccano il punto più basso: -2,5 %. In controtendenza a Milano l’unico calo riguarda appartamenti con 4 o più stanze (-4,2%). Prezzi su per appartamenti con 1 camera da letto (3,4%), ville indipendenti o semi-indipendenti (3,7%) e monolocali (4,2%). Gli incrementi maggiori riguardano gli appartamenti con 3 stanze e con 2 stanze, rispettivamente dell’8,8% e del 11,7%. La provincia di Milano segue la stessa linea di tendenza del capoluogo con prezzi di richiesta in calo per gli appartamenti con 4 o più stanze (-2,4%), in aumento tutti gli altri: ville indipendenti o semi-indipendenti (3,1%), gli appartamenti con 3 stanze (4,6%), con 2 stanze (11,8%), con 1 stanza (17,9%), monolocali (20,4%). Quasi in antitesi, Roma città segna incrementi solo per bilocali (7,5%) e monolocali (3,1%). In flessione il resto dei prodotti immobiliari con il calo maggiore per le abitazioni con 2 stanze (-2,7%), seguite da quelle con 3 stanze (-1%), 4 o più stanze (-0,9%), ville indipendenti o semi indipendenti (-0,5%). In provincia di Roma, a parte i monolocali che crescono del 4,9% gli altri formati accusano dei cali prezzo: gli appartamenti con una stanza si sono deprezzati dell’1,6%, quelli con 2 e 3 stanze del 2%, le case con 4 o più stanze hanno accusato un calo del 4%, le ville indipendenti o semi indipendenti del 3,3%. Di tutti i capoluoghi italiani Bari e Bolzano sono gli unici a segnare incrementi per tutte le tipologie residenziali laddove, a livello provinciale, è Reggio Emilia l’unica zona che ha visto incrementare i valori immobiliari di tutti i formati immobiliari.

Le ville hanno registrato la più alta crescita dei prezzi nella provincia di Lucca, dove sono aumentate del 10,1% negli ultimi 12 mesi. La seguono nella graduatoria degli aumenti Gorizia (6,6%), Verbano-Cusio-Ossola (6,1%), Prato (5,8%) e Como (5,1%). All’opposto, i maggiori cali si sono verificati a Udine (-18,1%) e Matera (-12%) e Crotone (-11,8%). In termini di capoluoghi, Cremona ha registrato il maggior aumento delle soluzioni indipendenti o semi indipendenti con un incremento del 18,2%, seguita da Verbania (13,2%) e Livorno (12,1%). Avellino (-21,1%) e Lecco (-18,3%) sono i capoluoghi dove i prezzi sono diminuiti di più.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Parte lo “sportello online” all’Agenzia delle Entrate

Parte lo “sportello online” all’Agenzia delle Entrate per ricevere assistenza ed eseguire operazioni con una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *