Metà dei ragazzi ritocca le foto da pubblicare sui social

Quasi metà dei ragazzi, il 49,2%, dichiara di editare le foto che vuole pubblicare sui social. E’ uno dei dati che emerge dall’indagine preliminare del progetto SatisFACE dell’Università Vita-Salute San Raffaele e del Cussb (Centro Universitario di Statistica per le Scienze Biomediche), che mira a esplorare il tema dell’immagine digitale con una ricerca incentrata sul viso. Lo studio pilota è stato condotto su 120 ragazzi dai 12 ai 16 anni. Dall’analisi emerge che i social più utilizzati dai giovanissimi sono WhatsApp (92.5%), Tiktok (88.3%), Instagram (76.7%) e YouTube (75%). Il 65.9% dice di trascorrervi fino a 4 ore (il 37.5%, da 2 a 4 ore). Più tempo sui social – dicono gli esperti – equivale ad una maggiore ansia da aspetto fisico e manipolazione più frequente delle foto: solo il 25.4% è soddisfatto al primo scatto, il 36.8% dichiara di eliminare 2-5 selfie tra quelli scattati. La manipolazione riguarda principalmente l’alterazione di caratteristiche fisiche e l’uso di filtri interattivi divertenti. Gli studenti, poi, esprimono preoccupazioni per un utilizzo non appropriato delle foto condivise nei social, che possono essere “manomesse/ritoccate” o utilizzate con finalità diverse da quelle di partenze (web-related anxiety) e sono consapevoli dei rischi della condivisione. Con riferimento al “digital-self” gli esperti notano che “depressione e ansia da aspetto sono maggiori tanto più bassa è la percezione della propria immagine corporea e tanto più alta è la manipolazione fotografica e il controllo sull’immagine corporea”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Mutui, Abi: a maggio tasso medio sceso al 3,61%

Il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni è diminuito al 3,61% a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *