Mutui, Abi: a maggio tasso medio sceso al 3,61%

Il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni è diminuito al 3,61% a maggio 2024. Il dato è in calo rispetto al 3,67% di aprile 2024 e al 4,42% di dicembre 2023. Si tratta del sesto mese consecutivo che registra una variazione in diminuzione del tasso medio sui Mutui. E’ quanto emerge dal consueto rapporto mensile dell’Abi, dove si legge anche che il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese è diminuito al 5,21% rispetto al 5,30% di aprile 2024 e al 5,45% di dicembre 2023. Complessivamente, il tasso medio sul totale dei prestiti (quindi sottoscritti negli anni) è stabile al 4,81%.

Per quanto riguarda i tassi d’interesse sulla raccolta, il tasso praticato sui nuovi depositi a durata prestabilita (cioè certificati di deposito e depositi vincolati) a maggio 2024 è stato il 3,51%. Ad aprile 2024 tale tasso era in Italia superiore a quello medio dell’area dell’euro (Italia 3,59%; area dell’euro 3,46%). Rispetto a giugno 2022, (ultimo mese prima dei rialzi dei tassi Bce) quando il tasso era dello 0,29%, l’incremento è stato di 322 punti base. Il rendimento delle nuove emissioni di obbligazioni bancarie a tasso fisso a maggio 2024 è stato il 3,52%, con un incremento di 221 punti base rispetto a giugno 2022 quando era l’1,31%. Invariato il tasso medio sul totale dei depositi (certificati di deposito, depositi a risparmio e conti correnti), che si è attestato a maggio all’1,04% (stesso valore del mese precedente; 0,32% a giugno 2022). Invariato rispetto al mese precedente anche il tasso sui soli depositi in conto corrente, allo 0,57%, tenendo presente che il conto corrente permette di utilizzare una moltitudine di servizi e non ha la funzione di investimento. Lo spread tra i tassi sui nuovi prestiti e quelli sulla nuova raccolta con famiglie e società non finanziarie, infine, si è attestato a maggio 2024 a 196 punti base.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Inps, 700 mila domande accolte per l’Assegno di inclusione

Al 30 giugno 2024 sono state accolte quasi 700mila domande relative all’Assegno di inclusione (Adi), …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *