Rapporto Caritas, migranti più esposti alla povertà

Il numero delle famiglie composte da cittadini stranieri in condizioni di povertà è più di quattro volte superiore a quello delle famiglie di soli italiani nello stessa situazione. A sostenerlo è il Rapporto migranti 2021 realizato da Caritas e da Fondazione Migrantes, pubblicato oggi. Nel documento, giunto al suo 30esimo anno di pubblicazione, si evidenzia che “i cittadini stranieri sono tra i gruppi sociali più esposti alla povertà, non solo economica ma anche educativa, relazionale e sanitaria”. Questa dinamica è stata ulteriormente peggiorata dalla pandemia di Covid-19. In tal senso, i dati della statistica ufficiale parlano chiaro, stando a quanto emerge dal documento. “Se negli anni di pre-pandemia la povertà assoluta nelle famiglie di soli stranieri si attestava al 24,4 per cento (quasi un nucleo su quattro, secondo i parametri Istat, non arrivava a un livello di vita dignitoso)- si legge nella nota di presentazione del rapporto -, in tempi di Covid-19 il tutto è stato inevitabilmente esacerbato; oggi risulta povera in termini assoluti più di una famiglia su quattro (il 26,7 per cento), a fronte di un’incidenza del 6 per cento registrata tra le famiglie di soli italiani”. Nel corso di un anno, si rileva nel documento, “l’incidenza è salita del 2,3 per cento, portando il numero di famiglie straniere povere a 568 mila. Nonostante le difficoltà tuttavia riferiscono gli autori del rapporto -, i centri di ascolto e i servizi che hanno lavorato con regolarità anche durante il lockdown sono stati un numero superiore a quelli del 2019, pari a 2.663 (il 69 per cento del totale), dislocati in 193 diocesi. Le schede individuali sono state complessivamente 211.233 (erano 191.647 nel 2019). Tra le persone aiutate i cittadini stranieri rappresentano il 52 per cento, in valore assoluto pari a 106.416 individui”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Nel 2021 il cibo diventa la prima ricchezza dell’Italia per un valore di 575 miliardi di euro

Nel 2021 il cibo diventa la prima ricchezza dell’Italia per un valore di 575 miliardi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *