Studio Cambridge, il Covid-19 ha portato più disagio per i giovani senza computer

Lockdown, quarantene e didattica a distanza hanno avuto un impatto forte sui ragazzi, aumentando disagi e difficoltà in ambito scolastico, emotivo e sociale. L’impatto, però, è stato peggiore sui giovani che avevano difficoltà a disporre di un computer. È quanto emerge da uno studio condotto dall’Università di Cambridge su oltre 1.300 ragazzi tra i 10 e i 15 anni, pubblicato su Scientific Reports. Nel Regno Unito, secondo le stime riportate nello studio, la percentuale di giovani in questa fascia di età con disturbi di salute mentale è cresciuta dall’10,8% nel 2017 al 16% a luglio 2020. Questo anche a causa del distanziamento per contrastare la diffusione del SarsCoV2. I ricercatori evidenziano, tra l’altro, come durante la pandemia, il 30% degli studenti appartenenti a famiglie della classe media abbia potuto partecipare quotidianamente alle lezioni scolastiche dal vivo o online, contro il 16% degli studenti delle famiglie della classe operaia. Una disparità che ha ampliato – e talvolta creato – il gap tra ragazzi sia in ambito scolastico che dal punto di vista emotivo e sociale. Per indagare il fenomeno, i ricercatori di Cambridge hanno utilizzato un sistema di valutazione del disagio che tiene conto di diversi fattori (iperattività/disattenzione, comportamento pro-sociale, problemi emotivi, di condotta e di relazione tra pari). È emerso che il punteggio tra i ragazzi è passato da 10,7 nel periodo pre-pandemico a 11,4 al fine 2020. Tuttavia, i ragazzi con problemi di acceso al computer hanno visto i loro punteggi medi di disagio salire a 17,8, rispetto all’11,2 dei compagni con facile accesso ai dispositivi. Il 24% dei giovani del primo gruppo aveva punteggi di difficoltà totali classificati come “alti” o “molto alti” rispetto al 14% del secondo gruppo.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

 Crescita record nel 2023 per le colonnine per la ricarica di auto elettriche

 Crescita record nel 2023 per le colonnine per la ricarica di auto elettriche. Secondo un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *