Studio Cgia, autonomi versano più Irpef di dipendenti e pensionati

L’Irpef è la principale imposta pagata dai contribuenti. A versarla sono solo le persone fisiche (lavoratori dipendenti, pensionati e lavoratori autonomi) e come risulta dalle dichiarazioni dei redditi del 2016 questi soggetti danno all’erario oltre 155 miliardi all’anno. L’incidenza di questo gettito sul totale delle entrate tributarie è pari al 33%. E sebbene le partite Iva costituiscano solo l’11,4% del totale delle persone fisiche presenti in Italia (pari a poco più di 4.660.000 unità), ciascuno di queste (artigiani, commercianti, piccoli imprenditori, liberi professionisti), versa mediamente poco più di 4.700 euro di Irpef l’anno, rispetto ai 4mila euro che mediamente vengono prelevati dalla busta paga di un lavoratore dipendente e a poco più di 2.900 euro che, invece, il fisco incassa da ogni pensionato. L’elaborazione è stata effettuata dall’ufficio studi della Cgia sulla base dei dati emersi dalle dichiarazioni dei redditi del 2016. “Abbiamo ritenuto necessario puntualizzare questa questione – dichiara il coordinatore dell’ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo – per sconfessare una tesi sempre più diffusa secondo la quale le tasse in questo Paese vengono pagate principalmente da coloro che subiscono il prelievo alla fonte. Per carità, nessuno disconosce che tra il lavoro autonomo ci siano delle sacche di evasione o di sotto dichiarazione che vanno assolutamente contrastate, ci mancherebbe. Questi dati, tuttavia, dimostrano inconfutabilmente che il popolo delle partite Iva dà un contributo significativo alle casse dell’erario ed è mediamente più tartassato degli altri contribuenti”. 

 In Italia, i lavoratori dipendenti e i pensionati ammontano a oltre 35.650.000: questi ultimi costituiscono l’87,5% del totale dei contribuenti Irpef e subiscono un prelievo complessivo di 127 miliardi di euro l’anno (pari all’81,9% del gettito totale Irpef). Gli autonomi, invece, sono poco più di 4.660.000 lavoratori, pari all’11,4% del totale dei contribuenti Irpef. Al fisco versano quasi 22,5 miliardi di euro (pari al 14,5% del totale). A livello territoriale la regione che presenta il più alto numero di lavoratori attivi è la Lombardia (oltre 3.785.000 dipendenti e poco più di 839.000 partite Iva), che ha quasi 10 milioni di abitanti. Subito sotto ci sono il Lazio, per quanto concerne il numero di lavoratori dipendenti (poco più di 2 milioni) e il Veneto, per quanto riguarda i lavoratori autonomi (attorno a 463.300). Il Veneto è al terzo posto a livello nazionale anche per il numero di lavoratori dipendenti (1.892.768), mentre l’Emilia Romagna si posiziona sull’ultimo gradino del podio per via della presenza di lavoratori autonomi (425.790). Anche il maggior numero di pensionati si concentra in Lombardia (2.520.858). Al secondo posto scorgiamo invece il Lazio (1.297.744) e al terzo il Piemonte (1.256.035). Sul fronte del gettito Irpef per regioni, infine, il territorio che ne versa di più è la Lombardia. In termini assoluti con 35,1 miliardi di euro (Irpef media di 6.085 euro). Seguono il Lazio con 17,7 miliardi (Irpef media di 6.058 euro) e l’Emilia Romagna con 14,1 miliardi (Irpef media di 5.245 euro). 

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Turismo, si prevede un’estate a contatto con la natura

Per l'estate che verra', Alpitour ha raccolto una selezione di 111 strutture in Italia che privilegiano la privacy e vanno incontro alle ultime esigenze dei viaggiatori: le proposte appartengono alla linea AlpiGreen e ai cataloghi Mare in Italy e Montagna, che propongono soluzioni indipendenti e a stretto contatto con la natura, per dare risposte concrete a chi vuole andare in vacanza in sicurezza, ma senza rinunciare al comfort. L'Italia e' entrata nella fase due, una speranza che apre l'orizzonte dopo mesi di lockdown che ha messo a dura prova ogni settore e costretto a casa tutti noi. Le restrizioni si stanno gradualmente allentando, ma e' inevitabile che la prossima estate portera' con se' regole stringenti ed esigenze inedite per i viaggiatori di tutto il mondo: le ricerche segnalano una forte propensione a partire, pur privilegiando un turismo di prossimita', attento agli spazi e alle attivita' all'aperto. Nuove esigenze a cui Alpitour ha risposto con 111 proposte in Italia, selezionate perche' immerse nel verde e particolarmente adeguate al nuovo scenario post emergenza: si tratta della nuova linea AlpiGreen e del catalogo Montagna, che presentano 30 soluzioni, oltre al catalogo generalista Mare in Italy

Negli ultimi anni, l'attenzione alla natura si e' progressivamente consolidata come filosofia e stile di vita, orientando sempre piu' le scelte dei consumatori. Per questo, ancor prima dell'avvio dell'emergenza, Alpitour ha scelto di realizzare il catalogo AlpiGreen, con un'ampia collezione di proposte fra glamping, lodge e mobil home, per vacanze ad "ampio respiro" e a stretto contatto con l'ambiente, pur senza rinunciare alla cura dei dettagli e ai comfort. Si tratta di soluzioni indipendenti, che consentono il pieno rispetto della privacy e di poter passare molto tempo all'aria aperta, grazie anche agli spazi privati disponibili, come verande e giardini. Fra le destinazioni, ovviamente il focus principale sara' l'Italia, con ben 12 proposte: quattro in Sardegna, due in Toscana, due in Veneto e altre in Puglia, Lazio, Abruzzo e Friuli. Sono tutte raggiungibili anche autonomamente e in grado di offrire una totale liberta' di gestione della vacanza, oltre ad essere situate in posizioni strategiche, in riva al mare e a breve distanza da centri di interesse, permettendo cosi' di poter effettuare anche escursioni private alla scoperta delle bellezze del territorio circostante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *