Superbonus, il Governo apre sulla ricostruzione post sisma

La strada degli F24 per sbloccare il nodo dei crediti incagliati e l’ipotesi di mantenere la possibilità della cessione per i lavori legati al post sisma e gli incapienti. Due possibili aperture del governo sul superbonus, dopo la conferma dell’indirizzo impresso dal decreto varato venerdì in Cdm. I bonus edilizi restano solo nella forma delle detrazioni d’imposta dalla dichiarazione dei redditi. Un’apertura accolta con favore dalle associazioni di categoria, che però si dicono soddisfatte a metà e sperano ancora che altri correttivi arrivino dalla conversione del decreto in Parlamento. Il governo ha provato a dare qualche rassicurazione nel tavolo convocato per ascoltare le preoccupazioni delle associazioni di categoria dopo il varo del decreto sul superbonus la settimana scorsa.

Al tavolo erano presenti il sottosegretario alla presidenza Alfredo Mantovano, i ministri dell’Economia Giancarlo Giorgetti, dell’Ambiente Gilberto Pichetto e la sottosegretaria all’Industria Fausta Bergamotto. Nel corso del doppio incontro (prima sono stati ricevuti Abi, Sace e Cdp e poi le associazioni di categoria), il governo ha ribadito “la permanenza dei bonus per l’edilizia nella forma delle consuete detrazioni d’imposta dalla dichiarazione dei redditi”. Ma per affrontare il nodo dei crediti incagliati, una “bolla da sgonfiare” – come l’ha definita al tavolo il ministro Giorgetti – da circa “19 miliardi”, la strada indicata dal governo e su cui si lavorerà è quella di intervenire attraverso le banche con il meccanismo della compensazione con gli F24. Quindi al momento, secondo quanto riferito dai partecipanti al tavolo, la strada è una soltanto, mentre non si valuta di percorrere le altre ipotesi ventilate in questi giorni, dalle cartolarizzazioni al ricorso a Cdp, fino all’aiuto delle partecipate dello Stato, come Eni ed Enel. Il lavoro, tuttavia, è appena agli inizi. Sulla situazione dei “cosiddetti ‘crediti incagliati’ il governo rimanda a un nuovo tavolo. E in questo ambito qualche soluzione potrebbe arrivare per le imprese più piccole e per quelle che operano nella ricostruzione post-sisma. Un’altra apertura fornita dal governo riguarda gli incapienti e i redditi bassi, che potrebbero continuare ad usufruire della cessione del credito per tutti i bonus edilizi. Soddisfatte, almeno in parte, le sigle di categoria presenti al tavolo.

Nelle prossime settimane, Eurostat e Istat, conferma la Commissione Ue, “decideranno insieme” come considerare i crediti generati dal Superbonus nel calcolo del deficit.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Fisco, con le agevolazioni perdita di gettito passata da 54 a 105 miliardi per l’Upb

Negli ultimi anni il numero delle agevolazioni fiscali è aumentato ulteriormente: tra il 2018 e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *